Me contro Te, fenomeni da youtube in sala

Videomaker amatissimi da bambini sul set del loro primo film

Quattro milioni e 300 mila iscritti per il canale youtube, che dal 2014 ha registrato oltre 3 miliardi e 250 milioni di visualizzazioni, più libri, album di figurine, giochi, un programma su Disney Channel e ora anche un film, Me Contro Te Il Film - La Vendetta del Signor S, diretto da Gianluca Leuzzi, in uscita il 17 gennaio con Warner Bros. I Me contro te, anche conosciuti come Luì e Sofì, cioè Luigi Calagna, classe 1992 e Sofia Scalia, classe 1997, entrambi siciliani di Partinico, trasferitisi a Milano, coppia anche nella vita, sono gli youtuber italiani più amati dai bambini (la grande fetta del loro pubblico, che si riconosce come 'team trote', è tra i 4 e i 10 anni ). Con i loro video di sfide, avventure all'aperto, buffi tutorial, piccoli esperimenti scientifici, scherzi e canzoni, hanno anche conquistato un premio Moige per aver stimolato la creatività dei ragazzi.
    Sereni, sorridenti, molto professionali, e in armonia nell'alternarsi parlando del loro percorso, arrivano al cinema, per il primo film, con le idee chiare. "E' un'avventura che nasce da un nostro soggetto - spiegano all'ANSA, negli ultimi giorni di riprese -. Siamo superemozionati e superfelici di quello che stiamo realizzando". Nessuna difficoltà? "La cosa più dura è stata la sveglia alle 5.30" commentano sorridendo. Il sapere di avere un pubblico composto principalmente da bambini "ci rende coscienti della responsabilità che abbiamo - dice Luigi - sappiamo che qualunque piccolo gesto può venire imitato o ripetuto e per questo siamo molto attenti nei video. Anche quando riprendiamo momenti del quotidiano cerchiamo di dare buoni insegnamenti e messaggi corretti". E quando incontrano di persona i loro piccoli fans hanno "reazioni fantastiche. Sono strabiliati dal fatto che esistiamo davvero". Torna nella storia del film (ancora top secret, come il set così da mantenere la sorpresa per i bambini) il loro stile surreale, nonsense, colorato e rassicurante: "Per la prima saremo faccia a faccia con il nostro principale antagonista, il Signor S. Un momento epocale perché finora non si è mai esplicitato" spiega Luigi .
    Nel film ci saranno "tanta avventura, tanto divertimento. Saremo in una situazione di pericolo, ma con scene molto buffe e tanti nuovi personaggi" sottolinea Sofia.
    L'idea di aprire un canale youtube, è nata, durante un'estate in vacanza, da Luigi, allora studente di farmacia: "Io andavo ancora al liceo e mi chiese di partecipare - spiega Sofia -.
    Volevamo fare qualche video scherzoso per i nostri amici, anche se c'era l'ambizione a diventare un canale di successo.
    All'epoca c'erano i gamers, l'intrattenimento inteso in chiave diversa, mancava una coppia che facesse dei giochi, delle sfide, delle cose un po' più frivole, un intrattenimento un po' per tutti. Abbiamo pensato a un canale di challenge, incentrato sulle sfide di coppia. Da qui il nome Me contro te". Le visualizzazioni partite in poche decine, sono iniziate a salire con il passaparola: "Essendo molto appassionati di tutto quello che è il mondo colorato e divertente degli esperimenti, delle creazioni, di fare lavoretti in casa, abbiamo iniziato a dedicarci video, fino a raccontare delle vere e proprie avventure". L'enorme successo, non gli ha fatto montare la testa: "forse perché è arrivato in maniera graduale, eravamo già scioccati ad avere mille iscritti per il canale, figuriamoci milioni" dice Luigi. "Siamo rimasti con le stesse abitudini, gli stessi amici - aggiunge Sofia -. Il nostro sogno sarebbe diventare un vero e proprio canale di intrattenimento a 360 gradi per i più piccoli, dalla tv al cinema, diventare un brand polivalente sotto tanti punti di vista". I genitori nell'avventura di videomaker li hanno sempre seguiti: "anche se all'inizio non sapevano neanche cosa cosa fosse youtube, ma ci vedevano felici e ci hanno appoggiato". Un consiglio per uno youtuber agli inizi? "Essere costante, non arrendersi alle prime difficoltà, mantenere la propria spontaneità e avere pazienza".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA