Riveder le stelle, girato con cellulare

Il nuovo lavoro di Emanuele Caruso a marzo nelle sale

(ANSA) - TORINO, 16 SET - Arriverà a marzo 2020 nelle sale il film documentario 'A riveder le stelle' del giovane regista di Alba Emanuele Caruso. E' stato girato, a impatto zero, in appena sette giorni nel mese di agosto con due iPhone di ultima generazione, in Val Granda, 152 km quadrati di natura selvaggia al confine tra il Piemonte e la Svizzera. Un lavoro sperimentale e originale, realizzato con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte doc Film Fund, con l'attore e alpinista Giuseppe Cederna e l'attrice Maya Sansa. Un gruppo di otto persone, compresa la troupe, con l'epidemiologo, esperto di sana alimentazione, Franco Berrino, che ha lavorato all'Istituto Nazionale Tumori di Milano.
    "Ho immaginato di rivolgermi a un pubblico che vedrà questo film tra 100 o 200 anni e si chiederà come si siano potute fare certe scelte. E' un tema abusato e non molto amato ma con il quale faremo i conti", spiega Caruso il cui precedente film La Terra buona ha venduto 55.000 biglietti con un incasso superiore ai 310.000 euro.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA