Cannes 'perdona' Lars von Trier

Al festival con The House That Jack Built con Dillon e Thurman

(ANSA) - ROMA, 19 APR - Pierre Lescure e il consiglio d'amministrazione del Festival di Cannes hanno 'perdonato' il regista danese Lars von Trier, Palma d'oro nel 2000 e poi, nel 2011, dichiarato persona non grata quando alla conferenza stampa di Melancholia fece delle dichiarazioni considerate filo naziste. Il suo nuovo film The House That Jack Built con Matt Dillon e Uma Thurman sarà presentato così fuori concorso alla manifestazione cannense in calendario dall'8 al 19 maggio. Il film nato come progetto di una miniserie, a detta dello schivo e problematico regista danese, si annuncia come il più brutale della sua carriera. Ambientato nell'arco di 12 anni racconta le vicende di un serial killer, Jack (Matt Dillon), ispirato probabilmente a Jack lo Squartatore. Le sue vittime sono cinque e tutte donne: oltre Uma Thurman, Siobhan Fallon Hogan, Sofie Gråb›l e Riley Keough. Ma lo stesso von Trier ha precisato che Jack non si concentrerà solo ed esclusivamente sulle donne. Nel cast anche Bruno Ganz.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA