Tempi moderni di Chaplin compie 80 anni

Da brutalità capitalismo a riscatto, un manifesto del XX secolo

(ANSA) - ROMA, 5 FEB - Compie 80 anni Tempi moderni di Charlie Chaplin, un racconto che nasce con lo sguardo apparentemente rivolto al passato: il clima in cui si muove Charlot è quello della Grande Depressione, tra fabbriche che chiudono, cortei di scioperanti, povertà dilagante e desiderio di riscatto. A questo mondo disperato Chaplin non fa sconti: la sua descrizione della brutalità del capitalismo, della disumanizzazione dell'operaio, dell'ingiustizia sociale non risparmia nessuna categoria ed è - a suo modo - il detonatore delle gag comiche, fondate come sempre sulla derisione dell'eroe. Contemporaneamente, però, il finale del film offre la dimensione del riscatto, l'idea rooseveltiana del New Deal mostrato come un sogno possibile con le due figurine dei protagonisti che si accompagnano verso un destino in cui tutto è ancora possibile. Per questo oggi celebriamo "Tempi moderni" non solo come un capolavoro del cinema, ma come un manifesto del XX secolo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA