Tornano le Winx, fatine pop per salvare il mare

Straffi, fra progetti film originale live action 'per grandi'

Riportare l'equilibrio nell'ecosistema marino messo a rischio dall'inquinamento causato dall'uomo. E' la missione delle sei fatine made in Italy che tornano con la terza avventura cinematografica, animata in 3d,Winx Club - Il mistero degli Abissi, nelle sale dal 4 settembre distribuito da 01. Iginio Straffi, regista del film e creatore del fenomeno Winx, che in 10 anni con la serie tv è arrivato in oltre 150 Paesi, Cina compresa, sta già pensando ''a un nuovo film d'animazione con personaggi originali, che potrebbe essere pronto per il 2017''. E aggiunge: ''Mi piacerebbe anche dirigere un film live action con attori in una storia originale arricchita da effetti speciali, non pensata per un pubblico di bambini''.    

Straffi, classe 1965, ne parla nella sede della Rainbow, la casa d'animazione italiana da lui fondata nel 1995 sulle colline marchigiane fra Loreto e Recanati, che con le sue produzioni si è conquistata spazio fra le major hollywoodiane e i prodotti asiatici. ''Nel primo film (Winx Club - Il segreto del regno perduto, 2007), Bloom, fatina adottata da genitori terrestri,andava alla ricerca dei suoi veri genitori - spiega, dopo aver mostrato ai giornalisti in anteprima 25 minuti de Il mistero degli abissi, per cui si sta completando il rendering in 3d -. Nel secondo film (Winx Club 3D - Magica avventura, 2010) ci eravamo ricollegati alla terza e quarta stagione. Qui invece,prendiamo spunto da un tema accennato nella quinta e sesta, la catastrofe nel Golfo del Messico (del 2010, ndr), quando centinaia e centinaia di milioni di litri di greggio finirono in mare, un disastro che creerà per decenni problemi all'ambiente.Per sensibilizzare i bambini sull'importanza della preservazione del mare e della natura siamo tornati sull'argomento con una favola moderna, utilizzando la metafora della massa nera che avanzando e espandendosi crea squilibrio nella dimensione magica''.  

Bloom, Stella, Flora, Musa, Tecna e Aisha, dovranno riportare armonia e pace nell'ecosistema dei mari. Ad ostacolarle, ci saranno le avversarie di sempre, le Trix, il malvagio Tritannus,e Politea, la ninfa rinnegata per la troppa avidità. Tra le novità anche una ''sferzata decisa verso la commedia. Bambini e genitori si divertono anche con situazioni comiche, speriamo di aver fatto prodotto ancora più gradevole. Inoltre c'è una sorpresa musicale finale molto pop''.    

Il film, già venduto in oltre 30 Paesi, è costato circa 12 milioni di euro, ha richiesto due anni di lavoro e l'impegno di circa 400 persone che hanno realizzato 112 schizzi di preparazione per definire le 34 scenografie e i 167 personaggi,per 113.221 frame finali e oltre 6 milioni di layer (livelli diversi in ogni fotogramma). Ma l'attività della Rainbow non si ferma: ''stiamo lavorando alla settima stagione delle Winx che per la prima volta andranno in onda, da agosto anche in Cina. E' una delle poche serie straniere che ha passato i loro controlli sui contenuti. E alle Winx i cinesi dedicheranno anche una parte di un loro parco tematico che nascerà a sud di Shanghai. Poi c'è sempre la possibilità di un film live action con le Winx che darebbe modo di espandere ancora di più il loro pubblico''.   Straffi continuerà anche a produrre film animati con personaggi originali, come Gladiatori di Roma (2012): ''Abbiamo diverse sceneggiature e una ci convince più delle altre. Il film dovrebbe essere pronto per il 2017''. Infine un sogno:''Un'animazione anche rivolta, per tematiche, agli adulti.Vedere ogni volta le reazioni dei bambini davanti alle nostre produzioni mi rende felice, ma si deve stare a certi schemi. Non si può rischiare, perché parliamo di investimenti e posti di lavoro e lo spazio per l'animazione non pensata per i bambini è minimo. Però potrei dirigere per un pubblico più adulto un film con una storia originale ricca di effetti speciali interpretata da attori reali''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA