Mostre: a Gradara Durer e gli incisori del Cinquecento

400 opere mettono a confronto con allievi, imitatori, copisti

(ANSA) - GRADARA, 30 NOV - Al via da oggi 30 novembre al 16 febbraio 2020 (solo sabato, domenica e festivi) a Palazzo Rubini Vesin di Gradara la mostra "Durer e gli incisori tedeschi del Cinquecento", che con oltre 400 opere (130 del maestro di Norimberga) e più di 50 artisti rappresentati, racconta l'arte del Rinascimento in Germania nella più grande esposizione su questo tema mai presentata prima in Italia. L'esposizione è aperta sabato, domenica e festivi. Previste aperture su prenotazione per gruppi e scuole.
    Curata dal giovane storico dell'arte Luca Baroni, l'iniziativa "non ha solo finalità estetiche, ma vuole essere un'occasione di studio per avvicinare il pubblico alla grafica, alle sue tecniche e diverse utilizzazioni: dalla propaganda politica della Riforma Protestante, all'illustrazione libraria".
    E' arricchita da una seconda esposizione che dal 2 dicembre alla Biblioteca Oliveriana di Pesaro raccoglie una trentina di pezzi.
    Tra questi, alcuni dei più alti esempi d'arte incisoria del maestro olandese Luca di Leida, amico e rivale di Durer, una coppia di collages ottenuti nel XVIII secolo tagliuzzando e ricomponendo una ventina d'incisioni originali di Durer, e una sezione di libri pubblicati e illustrati dall'artista come quello celeberrimo delle Proporzioni.
    Il percorso espositivo di Gradara è articolato in nove sale che ripercorrono in ordine geografico e cronologico il contesto storico artistico in cui operò Durer. Dai precursori quattrocenteschi, alle più importanti scuole incisorie di Norimberga (città dove operò l'artista), di Strasburgo, della Sassonia e del Danubio, per finire con le 'copie' che i maestri del '500 trassero dai suoi capolavori, diffondendone le caratteristiche e le innovazioni nel mondo. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA