A Bologna opera rimossa da repubblichini

Due statue di Giuseppe Romagnoli e lapide dedicata a Umberto I

(ANSA) - BOLOGNA, 28 FEB - Le due statue di Giuseppe Romagnoli, insieme alla lapide dedicata a Umberto I, sono tornate a occupare il loro spazio sulla facciata del palazzo comunale di Bologna dopo 76 anni. Vennero rimosse nel 1943 in base all'ordinanza della Repubblica di Salò che stabiliva l'eliminazione di tutte le insegne relative alla casa regnante. Mentre le parti in marmo furono distrutte, i due bronzi che compongono l'opera (intitolata a 'L'amor patrio e il valor militare') finirono prima a Villa delle Rose e poi nel parcheggio dell'Accademia di Belle Arti.
    Un torto al quale la città ha posto rimedio grazie anche all'aiuto dell'imprenditore Francesco Amante che ha finanziato il restauro (eseguito da Leonardo, la stessa azienda che si è occupata nei mesi scorsi dei lavori alla fontana del Nettuno), un'idea nata già nel 2012 su iniziativa di Mauro Felicori, all'epoca dirigente del Comune.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA