Chagall tra avanguardia e tradizione

A Mantova 130 opere, tra cui 7 teleri del Teatro Ebraico a Mosca

(ANSA) - ROMA, 9 SET - Il pennello per dare spazio al linguaggio del sogno e proporre allo sguardo sfumature di stati d'animo, insolite associazioni e ambiguità evocative, tra la libertà formale dell'avanguardia e la tradizione russa ebraica orientale: il mondo di Chagall è protagonista a Mantova dove, a Palazzo della Ragione, è allestita fino al 3 febbraio la grande mostra "Marc Chagall come nella pittura, così nella poesia", a cura di Gabriella Di Milia. Per il pubblico un percorso realizzato in collaborazione con la Galleria Statale Tret'jakov di Mosca, che presenta 130 opere, tra cui alcune raramente esposte in Italia, come i 7 teleri dipinti da Chagall nel 1920, un grande lavoro di carattere collettivo per il Teatro ebraico da camera di Mosca. Prima tappa del ciclo triennale di esposizioni dedicato al '900 che il Comune di Mantova ha programmato in collaborazione con la casa editrice Electa, la mostra, inaugurata il 5 settembre, offre anche l'occasione di godere di Palazzo della Ragione, appena restaurato.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA