La rivoluzione della stampa in Europa a Venezia

Progetto europeo Oxford University con Musei Civici e Marciana

(ANSA) - VENEZIA, 2 SET - In poco meno di 50 anni, da quel 1455 quando Gutenberg stampò con caratteri mobili a Magonza la Bibbia, in Europa si diffusero milioni di libri a stampa non solo destinati alle elite, ma pronti a finire nelle mani di ampi strati sociali della popolazione, specie quelli su temi didattici o devozionali. Venezia ebbe un ruolo centrale nella realizzazione e diffusione delle opere, tanto che in città in poco tempo sorsero oltre 200 stamperie. Sulla "rivoluzione" della stampa in Europa, del prima e dopo determinato nel campo sociale ed economico da questa tecnica, sui possibili raffronti con il nuovo segnato dall'era digitale in corso, apre uno squarcio la mostra "Printing Evolution 1450-1500", dall'esplicativo sottotitolo "I cinquant'anni che hanno cambiato l'Europa", allestita nelle sale del Museo Correr (fino al 7 gennaio) con una sezione nelle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (fino al 30 settembre), a Venezia.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA