In Triennale il "design ricostituente"

Simposio a Milano su "Broken Nature, Design e Human survival"

(ANSA) - MILANO, 19 GIU - Alla Triennale di Milano arriva in tema di architettura il "design ricostituente": è uno degli elementi di dibattito del simposio Broken Nature: Design Takes on Human Survival, che vede alcuni degli studi di architettura più prestigiosi al mondo riuniti a Milano per confrontarsi su uno dei temi più antichi che esistano, il rapporto tra uomo e natura in fatto di edifici. Con la grande differenza, rispetto al passato, che oggi la natura è davvero in pericolo, il rispetto dell'ambiente è uno dei temi del vivere civile contemporaneo e anche l'architettura è chiamata a declinarlo in modo nuovo. Da qui l'idea di "design ricostituente", tema centrale della XXII Triennale, che presenta progetti di varia natura - da oggetti a edifici, interfacce a infrastrutture e città, su scale diverse e dimensioni multiple - che suggeriscano soluzioni concrete per agire attraverso il design ricostituente.
    Il Comitato scientifico è composto da Adam Bly, Rania Ghosn, Alexandra Daisy Ginsberg, Gabriella Gómez-Mont, Jamer Hunt, Sarah Ichioka, Koyo Kouoh, Stefano Micelli e Maholo Uchida. Tra le presenze italiane, Stefano Boeri, Paola Antonelli.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA