Dolly mon amour di Patrick Moya a Torino

Opere multicolor ispirate alla pecora Dolly clonata nel 1997

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - Arriva in Italia, per la prima volta a Torino, a Palazzo Paesana, il poliedrico artista francese Patrick Moya, famoso per le sue creature colorate e irriverenti ispirate alla pecora Dolly, nata vent'anni fa e il cui nome si ispira alla celebre pecora clonata nel 1997. Le iconiche e multicor pecore, pensate come mascotte di una delle celebri serate "électro gay friendly" della Costa Azzurra, e ora famose in tutta la Francia, sono esposte nell'ex Teatro Paesana, in perfetto dialogo con gli stucchi e l'eleganza settecentesca di Palazzo Saluzzo Paesana.
    'Dolly mon amour' é aperta gratuitamente dal 30 marzo al 30 aprile. Negli anni la gentile pecora rosa di Moya, ormai un'icona in Costa Azzurra, si è circondata di una serie di personaggi surreali: Teddy Bear, asini in gonnella, elefanti volanti, scimmiette in livrea e maliziosi diavoletti con le ali, un colorato bestiario, quasi umano, che proietta il pubblico in un mondo magico, capace di comunicare al bambino nascosto dentro ognuno di noi. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA