Nel giardino segreto di Claude Monet

Al Vittoriano di Roma oltre 60 opere dal museo Marmottan

Il Monet più conosciuto e amato dal pubblico di tutto il mondo, ma soprattutto quello intimo, incentrato su una ricerca espressiva mai paga, che lo avrebbe trasformato in uno dei precursori dell'informale e dell'espressionismo astratto, è in mostra da domani all'11 febbraio a Roma, negli spazi del Complesso del Vittoriano. Circa 60 opere, nucleo strepitoso del Museo Marmottan Monet di Parigi, ricostruiscono l'intero percorso creativo del maestro francese, dalle caricature degli esordi ai ritratti dei figli, dai paesaggi impressionisti all'ultimo periodo nel verde di Giverny, con i monumentali salici e ninfee, i roseti e i ponticelli giapponesi, una sorta di 'giardino segreto' in cui ogni cosa si trasforma in luce e spazio e apre la strada alla modernità.

Presentata oggi alla stampa, la rassegna si intitola 'Monet. Capolavori dal Musée Marmottan Monet' ed è stata prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con l'istituzione museale parigina, custode del nucleo più importante e numeroso di opere del padre dell'Impressionismo, ricevute in donazione da collezionisti dell'epoca, nonché dal figlio Michel. "I capolavori contenuti in tali raccolte, soprattutto in quella di Michel - spiega il direttore del Marmottan, Patrick de Carolis - hanno una storia particolare.

Monet, infatti, non si era voluto separare da essi, per il timore che non fossero capiti dalla critica e dal pubblico", non sempre comprensivi del suo percorso rivoluzionario. "L'artista non aveva tempo per spiegare la sua evoluzione, voleva solo dipingere", prosegue de Carolis sottolineando come in tal modo quei fondi siano un condensato della straordinaria modernità di Monet.

Un aspetto molto privato, intimo del maestro francese, aggiunge la curatrice Marianne Mathieu, che è riuscita a portare nella mostra romana circa la metà delle opere di Monet riunite al Marmottan. Se infatti è ben noto il sarcasmo suscitato nel 1874 dall'esposizione di 'Impressione, levar del sole' , ha proseguito, è invece meno conosciuta la tiepida accoglienza riservata alle Grandi ninfee, da lui dipinte tra il 1914 e il 1926. Questa svolta rientrava nell'immenso progetto delle Grandi decorazioni, ideato per le sale ovali dell'Orangerie delle Tuileries per celebrare la fine della prima guerra mondiale.

Molto materiale restò però nelle mani del maestro, che scelse, per far fronte alle inutili critiche, di nascondere agli occhi del mondo la sua incessante ricerca espressiva, che a partire dagli anni '10 del '900 lo portava nella direzione di una dissoluzione completa del dato fisico. Nella serie delle ninfee, dei salici, degli splendidi glicini, la sezione più emozionante dell'esposizione romana, Monet riesce a dare vita a una pittura capace di distendersi come un tempo interiore, eterno, che si rispecchia nei riflessi baluginanti dello stagno di Giverny come il Parlamento nell'acqua del Tamigi, ruvida, a colpi di luce, come pietra pomice. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA