Parmigianino e Correggio, '500 a Parma

Capolavori dal mondo dal 12 marzo alle Scuderie del Quirinale

(ANSA) ROMA 28 FEB - Le visioni arcane e le forme allungate, estremamente moderne, di Francesco Mazzola detto Il Parmigianino, lo stile fluido, luminoso, nonché l'audacia prospettica di Antonio Allegri detto Il Correggio racconteranno alle Scuderie del Quirinale lo splendore del ' 500 a Parma.
    Allestiti dal 12 marzo al 26 giugno i capolavori dei due grandi maestri rinascimentali, al fine di illustrare la vitalità e la magnificenza artistica fiorita grazie alla loro lezione nel Ducato. Con il titolo 'Correggio e Parmigianino. Arte a Parma nel Cinquecento', l'importante esposizione è stata curata da David Ekserdjian, che, grazie a una puntuale selezione di opere provenienti dai più importanti musei del mondo, pone a confronto i percorsi di questi due protagonisti assoluti della Rinascenza italiana. Un talento unico e formidabile il loro, che nella prima metà del XVI secolo abbellì la città emiliana e il circondario con cicli di affreschi di sfolgorante bellezza, meravigliose pale o ritratti enigmatici.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA