Van Gogh a Firenze è live e multimediale

Nella bellissima Chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte

Scoprire Van Gogh e il suo mondo in modo affascinante ed educativo. Van Gogh Alive arriva nel cuore di Firenze a due passi dal ponte vecchio nella bellissima Chiesa sconsacrata "Santo Stefano al Ponte" a partire da domani, 16 febbraio. Prodotta e realizzata da "Grande Exhibitions" e "Per-lage Grandi Eventi", la mostra vuole essere un'esperienza multimediale per tutta la famiglia. I capolavori di Van Gogh prendono vita, in una sinfonia di luci, colori e suoni.

"Questa è un'esperienza visiva e divulgativa inedita per avvicinare al mondo di Van Gogh, al suo immaginario e alle sue opere anche il pubblico meno abituato a frequentare le sale di mostre e musei - ha dichiarato il curatore italiano della mostra Fabio Di Gioia - e per la prima volta Van Gogh Alive sarà integrata in una architettura particolarissima come quella di una chiesa.

 

La sensazione offerta dalla visione dalla mostra multimediale nel contesto di S. Stefano è un'emozione ancora mai provata nel mondo". Si tratta di oltre 3000 immagini proiettate in altissima definizione grazie all'innovativo sistema SENSO-RY4 che compongono un museo impossibile per offrire un viaggio attraverso l'universo creativo e visionario dell'artista: dagli intensi cromatismi, alla tumultuosa vicenda esistenziale.

SENSORY4 utilizza un sistema che incorpora 40 proiettori ad alta definizione, una grafica multi canale e un suono surround come quello delle sale cinematografiche. Immagini enormi, nitide e cristalline, così reali da desiderare di toccarle con mano, illuminano schermi e superfici, realizzate su misura per la ex Chiesa Santo Stefano al Ponte Vecchio.

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA