'Sono le venti', Gomez racconta e analizza i fatti

'Fastidio due pesi e due misure' e frecciata a Lilli Gruber

I competitor sono ovviamente "quelli che vanno in onda alle 20", ovvero i Tg, ma 'Sono le venti', il programma al via il 20 gennaio sul Canale Nove di Discovery, scritto e condotto dal direttore del Ilfattoquotidiano.it Peter Gomez, vuole raccontare "cose diverse o raccontarle in modo diverso". La striscia quotidiana, prodotta da Loft Produzioni, in onda dal lunedì al venerdì, ovviamente alle 20, vuole infatti raccontare e approfondire anche ciò che durante la giornata il telespettatore ha appreso (o gli è sfuggito) sui social o da altri mezzi di informazione che ormai ci accompagnano per tutta la giornata.

Il tutto con un'attenzione particolare alla "memoria storica" per interpretare la realtà di oggi, spiega Gomez che ironizza: "perché per fare il nostro mestiere bene basterebbe avere una memoria di poco superiore a quella di un pesce rosso ed è importante, quando si ha un ospite, ricordare ciò che ha detto e fatto negli anni". Nessuna velleità, al momento, di sfidare i Tg tradizionali in termini di audience ma "abituati come siamo a fare tutto allo stesso modo, magari farlo in modo diverso può indurre qualcuno a cambiare canale" e in più c'è il vantaggio della novità.

Il sottotitolo del format, con la direzione artistica di Duccio Forzano, regista e autore televisivo che ha lavorato con Fiorello e Fabio Fazio e anche firmato la regia del Festival di Sanremo è'"L'informazione che si vede' e il programma vuole raccontare "quello che è davvero importante", approfondendo le notizie con l'intervento di protagonisti e di opinionisti, trattando temi che vanno dalla politica internazionale, dal costume allo spettacolo. Nel programma "l'alto e il basso". Non solo, infatti, politici ma anche personaggi 'pop' (di recente proprio durante 'La confessione' di Gomez Fedez ha ammesso il rischio che possa contrarre la sclerosi multipla) raccontati e intervistati "con imparzialità, se ci riusciremo" perché, sollecitato dai giornalisti, Gomez spiega che la cosa che gli dà più fastidio sono "i due pesi e due misure". Cita come esempio negativo Lucia Annunziata e lancia una frecciata a Lilli Gruber: "Quando Salvini va da loro per essere intervistato vanno al limite dell'aggressione, e non che non lo meriti, ma quando viene intervistato un politico più vicino, per il cui partito ti sei fatta eleggere in maniera discutibile all'Europarlamento, l'intervista non è più un'intervista".

Nello studio avveniristico ci sono totem digitali sui quali scorreranno le notizie e le immagini dalla giornata mentre il giornalista da una scrivania interattiva lancerà i temi di giornata. I telespettatori potranno inviare domande direttamente in redazione e in formato video (rigorosamente verticale) alla mail redazione.sonole20@gmail.com alle quali risponderà il conduttore.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie