• Oscar: vince Green Book, l'amicizia anti-razzismo. Mahershala Ali: 'Grazie nonna'

Oscar: vince Green Book, l'amicizia anti-razzismo. Mahershala Ali: 'Grazie nonna'

Storia vera anni '60, buddy movie nell'America segregazionista

Colpo di scena agli Oscar. Green Book ( LA SCHEDA CINEMA ) di Peter Farrelly ha vinto l'Oscar per il miglior film, non era fra i favoriti ma questa storia di un'amicizia fra un afroamericano e un italoamericano in qualche modo era in linea con il mood della serata, con discorsi tutti all'insegna dell'amicizia e della fratellanza, inclusione razziale e diversità. Il film ha vinto anche l'Oscar per il miglior attore non protagonista Mahershala Ali ( IL PROFILO DELL'ATTORE ).

Il film, in sala dal 31 gennaio con Eagle Pictures, già vincitore tra l'altro del premio del pubblico a Toronto e passato alla Festa del cinema di Roma 2018, sta avendo un buon successo al botteghino italiano (oltre 4 milioni di euro). E' la storia vera dell'amicizia, durata tutta la vita, nata nel 1962 fra un virtuoso afroamericano del pianoforte, Don Shirley (Ali) e il buttafuori italo americano Tony Vallelonga (Viggo Mortensen), ingaggiato dal musicista per fargli da autista e 'risolviguai' durante un tour negli Stati Usa del sud, dove il razzismo era ancora profondamente radicato.

Nello schema narrativo è un 'buddy movie' che vede cioè due personaggi, apparentemente lontanissimi tra loro, che, messi insieme, impareranno a superare le reciproche differenze scoprendosi alla fine amici.

"Green Book non ti dice cosa devi pensare, ascoltare o vedere - ha detto Viggo Mortensen, capace di interpretare la lingua ibrida parlata dagli italoamericani come Vallelonga -. Secondo me è un invito a fare un viaggio, a ridere, a piangere e se vuoi forse a riflettere sui limiti delle prime impressioni. Non è una lezione forzata, è una bella storia condivisa del passato che può aiutarci a capire il presente".

L'attore newyorchese di origini danesi pensa che "queste storie ti permettano di conoscere un po' di più chi è diverso da te. Sono molto importanti in questo momento - sottolinea - perché si vede in giro tantissima misoginia e ignoranza, ad esempio su temi come la crisi dei migranti o la religione".

Green Book è basato sulla sceneggiatura scritta dall'attore Nick Vallelonga (figlio di Tony, morto nel 2013, come Shirley) con Brian Currie e il regista Peter Farrelly, uno dei re della commedia Usa in coppia con il fratello Bobby, qui al primo film da solo e alle prese con un genere diverso, la dramedy.

Tony Vallelonga, detto Tony Lip, padre dei famiglia del Bronx, molto innamorato della pazientissima moglie Dolores (Linda Cardellini) si mantiene con lavoretti e scommesse.

Risoluto e affabulatore, quando il club dove lavora viene momentaneamente chiuso, accetta di lavorare per Don Shirley, raffinato e riservato pianista che vive in un lussuoso appartamento al primo piano della Carnegie Hall. Il musicista ha bisogno di un uomo come Tony per risolvere eventuali problemi legati al doversi spostare in stati fortemente razzisti e infatti gli ostacoli e le situazioni rischiose non mancheranno.

Tra i due uomini, però nei lunghi spostamenti in macchina, nasce una reciproca comprensione e voglia di conoscenza.

Mahershala Ali due anni fa vinse lo stesso premio per Moonlight. Grazie Doc Shirley - ha detto, ringraziando il suo alterego cinematografico, il musicista Don Shirley la cui tournée nel sud razzista degli anni Sessanta è raccontata nel film di Peter Farrelly. L'attore ha ringraziato il regista per aver dato spazio agli attori e alla loro creatività e poi ha ringraziato la nonna: "Mia nonna che è stata la mia eroina, per tutta la mia vita. La donna che mi ha detto che avrei potuto far qualunque cosa mi fossi messo in mente di fare, la donna che mi ha insegnato che, se non riesci la prima volta devi provare di nuovo e di nuovo sino al successo, la donna che mi ha insegnato a pensare positivo".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA