• Demi Lovato ricoverata per sospetta overdose. 'È sveglia e in ripresa'

Demi Lovato ricoverata per sospetta overdose. 'È sveglia e in ripresa'

In apprensione i suoi milioni di fan. Il suo staff chiede il rispetto della sua privacy

Demi Lovato è sveglia e si sta riprendendo, fa sapere un rappresentate della cantante e attrice statunitense ricoverata ieri per sospetta overdose. "Demi è sveglia e con accanto la sua famiglia, che vuole ringraziare tutti per l'amore, le preghiere e il sostegno", si legge in una nota diffusa ieri sera.

"Alcune delle informazioni riportate non sono corrette. Chiedono rispettosamente privacy e di evitare speculazioni, poiché la sua salute e il suo recupero sono la cosa più importante in questo momento", conclude la nota senza aggiungere alcun dettaglio sul motivo del ricovero.


Stando a quanto riportato dal sito statunitense TMZ, il Dipartimento della Polizia di Los Angeles ha risposto a una chiamata di emergenza proveniente proprio dall'abitazione della cantante sulle colline di Hollywood. Lovato è stata trasportata d'urgenza in un ospedale dell'area di Los Angeles poco prima di mezzogiorno.

Da qualche tempo la star 25enne dava segni di instabilità. Pochi giorni fa il Daily Mail aveva riportato la notizia che la giovane artista, da poco uscita dall'ennesimo ricovero in una clinica per la riabilitazione dalle dipendenze, era stata vista uscire ubriaca da un locale di Hollywood.

Prima di quell'episodio, nel bel mezzo della sua tournée, aveva licenziato il suo manager, Phil McIntyre. Fonti vicino alla cantante dicono che McIntyre stesse cercando in tutti i modi di tenere l'artista lontana dai guai. Solo il mese scorso, Demi Lovato aveva pubblicato il singolo Sober, in cui si scusava per aver rotto, per la prima volta dopo sei anni, il suo voto di sobrietà. In passato la giovane star aveva lottato a più riprese contro la sua dipendenza da droghe e alcol, che l'avevano costretta anche a un periodo di riabilitazione. Nel 2011, divenuta redattrice per la rivista Seventeen, aveva scritto un articolo in cui descriveva la sua battaglia. Qualche mese dopo aveva realizzato per Mtv un documentario dove raccontava le sue esperienze mentre si trovava in clinica. Nel febbraio del 2012, però, era stata ricoverata in un ospedale di Palm Springs dopo aver tentato il suicidio con delle pillole.

Nata ad Albuquerque, in Nuovo Messico, il 20 agosto 1992, da una famiglia di origini messicane, irlandesi e italiane, Demi Lovato aveva esordito a soli 7 anni con la serie Barney & Friends ma si era fatta conoscere al grande pubblico grazie al film, prodotto dalla Disney, Camp Rock (2008), in cui interpretava la protagonista Mitchie Torres al fianco di Joe Jonas (leader e frontman dei Jonas Brothers). Il debutto della stellina Disney nel mondo della musica arriva poco dopo con il suo primo album, Don't Forget, al quale ne seguiranno altri cinque: Here we go again (2009), Unbroken (2011), Demi (2013), Confident (2015) e Tell me you love me (2017). Grazie a Confident Demi Lovato ha ricevuto la sua prima e unica candidatura ai prestigiosi Grammy Awards (gli Oscar della musica). Il suo ultimo lavoro per il grande schermo invece è del 2017, quando per la Sony aveva prestato la voce a Puffetta nel film d'animazione I Puffi - Viaggio nella foresta segreta. I fan italiani avevano avuto modo di abbracciarla per la prima volta lo scorso 27 giugno, quando si era esibita in concerto sul palco della Unipol Arena di Bologna, per l'unica tappa in Italia del suo Tell me you love me World Tour. A oggi Demi Lovato è una delle star più seguite al mondo con 69,6 milioni di followers su Instagram, 56,2 milioni su Twitter e più di 37 milioni su Facebook.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA