Arriva la Carta nazionale del paesaggio

La sottosegretaria Borletti Buitoni: "Tema ignorato dalla campagna elettorale"

''Chi si assumerà la responsabilità di governare questo paese, speriamo accada prima o poi, sappia che c'è una sensibilità diffusa intorno a questa Carta, per cui gli verrà ricordata spesso durante tutto il suo percorso''. Nero su bianco, ''volutamente'' snella, tre punti cardine e 14 pagine appena, nasce così la Carta Nazionale del paesaggio, atto conclusivo del percorso avviato con gli Stati Generali di ottobre e l'Osservatorio Nazionale del Paesaggio, presentata del sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, nell'ambito degli oltre 180 eventi delle due Giornate Nazionali del Paesaggio. Un documento, spiega il sottosegretario, ''che si rivolge a chi avrà future responsabilità nei diversi livelli istituzionali, indicando una strategia nazionale per la tutela e la valorizzazione di quello straordinario patrimonio collettivo che è il Paesaggio italiano''. Difficile ''uno sviluppo sostenibile se non lo si mette al centro della riflessione pubblica'', aggiunge, ''colpita di non trovare invece alcun cenno specifico nei programmi elettorali''.
    Dedicata alla memoria dello storico Giuseppe Galasso, scomparso un mese fa, la Carta parte dunque dalla consapevolezza di quanto i paesaggi italiani siano il ''racconto di chi siamo e chi eravamo'', ma anche dal "sinistro primato" del Paese "in termini di abusivismo, cementificazione delle coste, degrado urbano e consumo di suolo''. Tre i punti cardine del programma: ''Promuovere nuove strategie per governare la complessità del paesaggio. Promuovere l'educazione e la formazione alla cultura e alla conoscenza del paesaggio. Tutelare e valorizzare il paesaggio come strumento di coesione, legalità, sviluppo sostenibile e benessere, anche economico''. Ora, esorta la sottosegretaria, ricordando la mancata legge sul consumo del suolo pubblico, ''tutti i cittadini si facciano paladini, promuovano la Carta attraverso associazioni e rappresentanti in Parlamento. Il paesaggio è un bene comune, il segno della storia e dell'identità di una comunità, oltre che indicatore della sua salute e benessere. Tutelare e valorizzarlo è anche una strada per contribuire alla sicurezza del territorio e prevenire il rischio di dissesto idrogeologico. Il nostro obiettivo - conclude - sollecitare le istituzioni affinché provvedano a tradurre in mirate politiche e norme quanto indicato dalla Carta, nella speranza che il paesaggio venga finalmente messo al centro delle politiche per uno sviluppo sostenibile e per migliorare la qualità di vita dei cittadini''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA