• Grillo, Morandi e Ricci con gli occhi di un fotografo nativo digitale ma 'analogico'

Grillo, Morandi e Ricci con gli occhi di un fotografo nativo digitale ma 'analogico'

Scatti in bianco e nero e street photography sulle orme di Berengo Gardin

L'uso del bianco e nero abbinato ad un formato quadrato con la forte personalità del soggetto al centro dell'ambientazione: è il tratto comune degli scatti del giovane e pluripremiato artista Paolo Troilo, un millennial cresciuto però frequentando la camera oscura e il mondo della fotografia analogica. Tra i primi big che si sono concessi con fiducia e stima al suo obiettivo ci sono Beppe Grillo, Gianni Morandi con la moglie Anna Dan e Antonio Ricci.    

Grillo è ritratto nel suo studio accanto al plastico di un cervello, al centro dei suoi interessi (nel nuovo spettacolo teatrale 'Insomnia' guest star è il neurologo e amico Marco Sarà). Casa Morandi è lo scenario dello scatto che ritrae il cantante in un momento di relax insieme alla moglie, mentre il papà di Striscia la Notizia Antonio Ricci sorride dietro la scrivania da cui dirige il suo tg satirico.

 

Auguri Anna! Sei la cosa più bella che ho, ti amo! Buon compleanno! @annadan94

Un post condiviso da Gianni Morandi (@morandi_official) in data:

 

Nato a Crotone nel 1992, Paolo Troilo è un "nativo digitale", ma sin dall'età di 11 anni inizia a scattare foto a pellicola, passione trasmessagli dal padre, anche lui fotoamatore.
 
Dopo anni di pausa in età liceale, Paolo ricomincia a scattare foto a 19 anni in seguito al trasferimento a La Spezia per proseguire gli studi universitari in Ingegneria Nautica perfezionati con un ulteriore corso di laurea magistrale in Yacht Design.

Nel 2015 vince il concorso fotografico nazionale 'Il sorriso della vita' nella sezione portfolio, lavoro che diventerà calendario per l’Aido 2016. Viene poi selezionato come Talent Scout Fiaf per l’anno 2016. Nello stesso anno vince il concorso nazionale 'Ridiamo la vita' sezione portfolio, con premiazione ed esposizione sulla nave scuola Amerigo Vespucci, e vince anche il 2° premio al concorso nazionale 'Infinite sfumature di solidarietà'.

Le grandi personalità dello spettacolo, ma anche e soprattutto la cosiddetta street photography che racconta gente comune e disagio sociale sono al centro della sua ricerca fotografica in bianco e nero. Il modello è il grande maestro fotoreporter Gianni Berengo Gardin. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA