Vezzosi, Salvator Mundi? Se autografo varrebbe 1 mld dollari

E' opera di Leonardo e di bottega, anche ricostruita'

(ANSA) - VINCI (FIRENZE), 16 NOV - "Questo Salvator Mundi è importante", "la definirei 'opera di Leonardo e bottega, in parte ricostruita'", "direi che la vendita per una cifra così eccezionale (450,3 milioni) fa pensare che un Leonardo autografo al 100% potrebbe essere pagato anche 1.000 milioni" di dollari.
    Lo afferma Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale di Vinci, parlando della vendita all'asta dell'opera leonardiana per una cifra che sta suscitando clamore.
    Vezzosi osserva che "la ricostruzione di alcune parti e anche del volto riduce la possibile percentuale di autografia: per parlare in cifre, tra il 28% e il 52%. Ma questo è un paradosso". "Salvator Mundi - aggiunge - è importante per la mostra di Londra e gli studi di specialisti; intrigante, perché appassiona ed è al centro di una sciarada problematica, per aspetti controversi nel giudizio degli esperti mediatico, per la promozione internazionale gli elementi di clamore (magnate russo, prezzo di vendita)", "notevoli sono per esempio la qualità della mano destra e la straordinaria cromia; poco sensibile il virtuosistico nodo vinciano e lo sguardo privo di intensità espressiva. La composizione presenta una frontalità rigida, senza le dinamiche caratteristiche di Leonardo".
    "L'ideazione - conclude - è comunque riconducibile a Leonardo almeno per i due disegni preparatori della veste che si conservano nella Biblioteca Reale di Windsor".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA