Addio a Burruano, attore tra genio e sregolatezza

Fu icona di Palermo, tanti ruoli al cinema e a teatro

E' morto a 69 anni l'attore palermitano Luigi Maria Burruano (Leggi la scheda). Da qualche mese non stava bene.

La camera ardente per rendere omaggio alla salma dell'attore è allestita al teatro Biondo di Palermo e rimarrà aperta sino a mezzanotte. I funerali saranno celebrati domani mattina alle 10 nella chiesa Don Orione in via Ammiraglio Rizzo a Palermo.

    Attore di teatro, cinema e tv, Burruano ha recitato sui palcoscenici di diversi teatri stabili italiani, tra cui Roma, Catania, Trieste, Palermo e Prato. Ha esordito al cinema nel 1970 in "L'amore coniugale" diretto da Dacia Maraini e ha poi partecipato a decine di film. Con il ruolo di Luigi Impastato è stato tra i protagonisti di "I cento passi" di Marco Tullio Giordana. Ha avuto ruoli tra gli altri anche nei film L'uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore, Nowhere di Luis Sepúlveda, Miracolo a Palermo! di Beppe Cino, Il ritorno di Cagliostro di Daniele Ciprì e Franco Maresco, Quo vadis, baby? di Gabriele Salvatores. Ha lavorato anche nelle serie Tv "La Piovra 8", "Turbo" e "Incantesimo 4". Burruano, zio dell'attore Luigi Lo Cascio, scoprì e fece conoscere gli attori Tony Sperandeo e Giovanni Alamia. Nel 2006 venne arrestato per aver accoltellato l'ex genero perchè secondo lui non assolveva agli impegni verso la famiglia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA