Rachele Risaliti, le ultime foto da Miss Italia

In oltre 30 scatti a palazzo Ferrajoli firmati Lara D’Appollonio, il meglio dell'italianità tra arte, moda e bellezza

Una “Marianne” nostrana, per il ruolo che ricopre e per la sua giovane età: vestita da iconici abiti della maison d’haute couture Prunus-Avium, avvolta nel verde di Sebastiano del Piombo e nell’azzurro di Michelangelo, Rachele Risaliti, Miss Italia 2016, sceglie Palazzo Ferrajoli a Roma come ultimo set prima di cedere la corona e posa per una nuova immagine di bellezza, che affonda le sue radici nell’arte, nella cultura e nella storia del nostro Paese.

Uno shooting, ma anche una nuova consapevolezza per la Miss, una ragazza già matura e determinata, fotografata un istante prima dell’approdo alla vita adulta con la freschezza dell’età di passaggio, nell’immaginario comune una giovane donna rinascimentale, appunto. Grazie ai 35 scatti realizzati dalla fotografa romana Lara D’Appollonio, prende forma così una gallery elegante, autorevole e sofisticata, che valorizza la bellezza italiana, elevandola a quadro del ‘500. Come negli scatti con la camicia azzurra e l’ampia gonna bianca taffetà di seta, dove la Miss ha un’aria giocosa e si mostra consapevole della sua età, leggera e in divenire. Nello sfondo, a fare da co-protagonista, la perfetta simmetria del palazzo rinascimentale romano.

Passando alle immagini in abito bianco in jersey di seta nella stanza rossa, l’ambientazione ci porta ai dettagliati set cinematografici di Luchino Visconti, dove la Miss, più sensuale, si guarda allo specchio, come a voler fermare un momento della sua vita. Nello shooting con la “robe de chambre” turchese di crépe e ricamo di filo di vero argento, Rachele appare in tutta l’allure di una diva italiana della Hollywood sul Tevere e strizza l’occhio alla sofisticatezza delle nobili internazionali che negli anni ’50 e ’60 amavano ritrovarsi nei salotti glam della Dolce Vita.

Il servizio fotografico si chiude con la Miss in abito blue di cotone con pizzo francese: l’ispirazione arriva dagli scatti realizzati in passato dalla fotografa ad alcuni membri della Royal Family britannica. Rachele indossa la corona e viene raffigurata come espressione della bellezza, maestosità e regalità italiane, in omaggio all’immenso patrimonio artistico e culturale del Paese. L’atmosfera, in tale caso, si impreziosisce del blue dell’abito e del rosso delle pareti, colori che rappresentano l’esperienza inglese della fotografa. Tinte cromatiche che vengono ora riproposte per un servizio simbolo e sintesi della sua vita culturale e professionale.

Lara D’Appollonio nasce a Roma. Dopo il liceo classico, si laurea presso l’Università La Sapienza in Lettere con studi sulla storia del cinema che diverranno importanti nella sua attività di fotografa. Grazie ad una borsa di studio alla Sorbonne Panthéon, trascorre un anno a Parigi, esperienza cruciale per la sua formazione culturale. Nel frattempo, comincia a lavorare come giornalista cinematografica, intervistando e fotografando artisti internazionali, da Hugh Grant a Colin Firth, da Ridley Scott a Woody Allen. Dopo la laurea, si specializza a Londra presso Central Saint Martin – Royal College of Arts of London e subito dopo decide di trasferirsi nella capitale britannica: tornerà in Italia cinque anni dopo. È nell’ottobre del 2009 che Lara, mentre la City cade nel Credit Crunch dal fallimento di Lehman Brothers, fonda dall’altra parte della città, a Paddington, la D’Appollonio Photography, agenzia fotografica pubblicitaria. Lara si specializza in ritrattistica, prodotti, eventi, interni e food, tutti uniti da un unico fil rouge: la valorizzazione e l’esaltazione del bello. I suoi maestri ispiratori sono Anne Leibovitz, Jason Bell e Mario Testino. Viene accreditata, durante le visite ufficiali in Italia, per fotografare il Principe Harry, la Regina Elizabeth e il Principe Philip, così come in occasione del recente tour del Principe Charles.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA