Nell'antica Oplontis niente malaria ma tante carie

Studio rivela abitudini abitanti uccisi da eruzione Vesuvio

  TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI) - Nessuna forma di malattie quali la malaria e una dieta equilibrata, ma spesso con problemi dentali. Emerge da un'indagine, ancora in corso e che si concluderà a fine di agosto, avviata su decine di vittime (almeno 54), i cui resti sono stati trovati nella villa di Lucius Crassius Tertius (la cosiddetta Villa B), poco lontano dalla villa di Poppea a Torre Annunziata (Napoli). Era lì che queste persone avevano cercato scampo dalla furia del Vesuvio durante l'eruzione del 79 d.C. Scheletri ritrovati negli anni '90 ammassati e con una ricca dotazione di monete e gioielli che avevano sperato di salvare portandoli nella loro disperata fuga. Tutti questi scheletri sono oggetto di studi antropologici, isotopici e di Dna condotti in collaborazione con l'università del Michigan (Professor Nicola Terrenato) e l'università della West Florida (Professoressa Kristina Killgrove), con l'aiuto di Andrea Acosta, dottoranda all'università del South Carolina, studi che stanno rivelando interessanti informazioni sullo stile di vita e le patologie diffuse all'epoca. L'indagine, di cui si è conclusa una prima fase, ha previsto esami condotti per la prima volta nell'area Pompeiana su un contesto così ampio e complesso (finora studi del genere si erano concentrati nella sola zona di Ercolano). Tra gli scheletri ritrovati, spiegano i ricercatori, ci sono almeno due donne incinte, con gravidanze quasi a termine. Un numero significativo di vittime era biologicamente correlata, vista la presenza riscontrata di tratti genetici comuni. In particolare, molti di loro presentavano denti incisivi di forma caratteristica, che si riscontra raramente in scheletri del primo secolo dopo Cristo di altri ambienti romani e che sembrerebbe quindi accomunarli. L'analisi del campione scheletrico attesta in generale un buono stato di salute dei fuggitivi. A differenza delle indagini svolte in altre aree del mondo romano su scheletri ritrovati nelle necropoli, gli studi portati avanti nell'area vesuviana consentono di indagare lo stile di vita di individui di varie età, soggetti a morte violenta e nel pieno della loro vita. Il fatto che non emerga alcuna indicazione circa patologie quali l'anemia, può significare che a Oplontis malattie quali la malaria non erano presenti e che la popolazione aveva una dieta sana. Al contrario, la situazione dentale variava parecchio: molti scheletri rinvenuti presentano infatti mascelle con denti mancanti o deteriorati, con molte carie o erosione dentale. In alcuni bambini e adolescenti, l'analisi della dentatura sembrerebbe denunciare un periodo prolungato di malattia o fame. Le ricerche, condotte dalle università americane insieme alla direzione del parco archeologico di Pompei, sono state finanziate dal National Endowment for Humanities, dalla Rust Family Foundation for Archaeological Research e dall'Università della West Florida

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA