Franceschini, G7 Cultura per tutela patrimonio mondiale

Il summit internazionale a Firenze il 30 e 31 marzo

In un clima di condivisione e forte disponibilità che fa essere piuttosto ottimista il ministro dei Beni Culturali e Turismo Dario Franceschini, parte il G7 Cultura, il primo nella storia, che si svolgerà il 30 e 31 marzo a Firenze.
    "Stiamo lavorando, vedremo quali saranno le conclusioni ma la possibilità che ci sia un documento comune in cui i Paesi del G7 si impegnano su una serie di temi importanti come la tutela del patrimonio, la cultura come strumento di dialogo, mi pare una cosa di cui l'Italia intera possa essere orgogliosa", ha detto il ministro Franceschini oggi alla presentazione del summit internazionale che sarà dedicato alla 'Cultura come strumento di dialogo fra i popoli".
    Il tema verrà affrontato da diversi punti di vista con tre sessioni dedicate a 'I limiti e le opportunità della normativa internazionale', 'Le pratiche di tutela: punti deboli e punti di forza' e 'La formazione: quali modelli?" con interventi di tutte le organizzazioni internazionali che si occupano di cultura e "special guest il segretario generale del Consiglio d'Europa", ha annunciato Franceschini. "Mi pare evidente che in un mondo attraversato da paure, timori, chiusure e nazionalismi la comunità internazionale lavori sulla cultura come strumento di dialogo", ha sottolineato il ministro spiegando che "per il primo G7 della storia sulla cultura una scelta come Firenze è indiscutibile".
    Tra le iniziative che fanno da cornice alla manifestazione, anche tanti altri appuntamenti "dal grande significato simbolico come l'arte di Palmira in Piazza della Signoria", ha fatto notare il sindaco di Firenze, Dario Nardella. Nel Salone Cinquecentesco di Palazzo Vecchio, alla presenza del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, ci sarà il Concerto del G7 diretto dal maestro Riccardo Muti ed eseguito dall'Orchestra del Maggio musicale Fiorentino che "sarà replicato il giorno dopo per il pubblico" ha annunciato Nardella. Sempre a Palazzo Vecchio, il 31 marzo si svolgerà una tavola rotonda tra 7 intellettuali, uno per ogni paese. Per l'Italia ci sarà il presidente della Fondazione Biennale di Venezia, Paolo Baratta. Tra gli altri, il presidente del Centre Pompidou, Serge Lasvignes e lo chief executive of the British Council, sir Ciaran Devane. "Abbiamo trovato una disponibilità molto forte, importante" ha aggiunto Franceschini parlando del ruolo del nostro Paese che ha promosso il G7 Cultura. "L'Italia è una leadership internazionale per il suo patrimonio materiale e immateriale.
    Sta cercando di trasformare questa sua forza per far entrare il concetto di diplomazia internazionale all'interno dell'agenda dei singoli governi" e, non potendo anticipare quali saranno le conclusioni dell'incontro, il ministro ha però potuto annunciare: "siamo in uno stato abbastanza avanzato per fare in modo che il summit a Firenze finisca con una dichiarazione congiunta in cui ci si impegna a proseguire con il G7 Cultura e c'è condivisione su questo". "Firenze è stata la prima capitale europea della cultura con Atene, siamo pronti a ospitare il primo G7 che mi auguro diventi un appuntamento fisso perché la cultura è la chiave di volta" ha sottolineato Nardella. A Palazzo Pitti si svolgerà invece l'incontro a porte chiuse dei 7 ministri al termine del quale "percorreremo - ha raccontato il ministro - quel passaggio chiuso da tempo memorabile che tra non molto tempo diventerà un'abitudine. Un unico percorso museale che da Palazzo Pitti arriva agli Uffizi.
    Sono in corso i lavori di restauro. Il passaggio tra Palazzo Vecchio e comune è in una fase conclusiva". Tanti gli eventi a cornice del summit internazionale dedicato alla cultura fra i quali "una card unica che, con soli 30 euro consente di entrare in 18 tra grandi musei e centri di arte contemporanea e moderna italiani e il ritorno a casa sua della famosissima Chimera di Arezzo, un'opera che risale al IV-V secolo dell'arte etrusca che Cosimo I De' Medici nel 1552 aveva scoperto e portato a Palazzo Vecchio", ha sottolineato Nardella.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA