L'ex moglie di Muccino, ecco le violenze subite da Gabriele

Elena Majoni da Giletti, ho avuto affido esclusivo nostro figlio

Dopo un lungo silenzio, Elena Majoni, ex moglie del regista Gabriele Muccino, racconta in tv, all'Arena di Massimo Giletti, le violenze subite dall'ex marito, gli anni dolorosi in cui ha scelto di non denunciarlo ("Era un personaggio popolare, temevo di alimentare rumore inutile") e poi la scelta delle vie legali, maturata nel momento in cui "mi sono resa conto che sarebbe stato un danno per nostro figlio", ha spiegato, commossa. "A quel punto ho aperto gli occhi, ma è meglio aprirli un po' prima", ha detto, invitando le donne che subiscono violenze a "non mollare mai".

"Non esiste una sentenza che abbia sanzionato in modo specifico Gabriele Muccino per le violenze raccontate", ha avvertito Giletti in apertura e chiusura del colloquio. "Esiste però una sentenza che le attribuisce in via esclusiva l'affido di suo figlio". Nell'intervista, la violinista, classe 1974 - che qualche giorno fa aveva raccontato la sua odissea al Corriere della Sera - ha spiegato di aver "aspettato i documenti, le prove, per parlare" e ha ripercorso anni difficili, a iniziare da un episodio avvenuto in Toscana: "Ero al telefono con mia mamma vicino alla finestra, Gabriele si è avvicinato, probabilmente alterato, e mi ha tirato uno schiaffo.

Ricordo un fischio lunghissimo, forte. Ero sotto choc, non capivo niente. Sono andata al pronto soccorso, continuavo a dire di aver sbattuto la testa ma i medici, che diagnosticarono la perforazione del timpano, non mi credevano". All'epoca Muccino "aveva un atteggiamento molto estremo, dal 'mi dispiace, perdonami', al 'tu non sei abbastanza sensibile, non capisci la mia sofferenza', mi faceva sentire in colpa". E poi, ha detto ancora Elena Majoni, "ero innamorata e quando sei innamorata tendi a a giustificare, a perdonare, a cercare di comprendere".

Dopo altri episodi, "dimostrati dai documenti di un altro ricovero", la 'doccia fredda':; "Una volta Gabriele voleva che gli dicessi che lo amavo: mi prese la bocca, mi tirò la mascella. Ebbi problemi per più di un mese con la masticazione, mi ha rotto un dente. Allora ho deciso di andar via, per nostro figlio". Il processo si è rivelato difficile, anche perché Silvio Muccino, fratello di Gabriele chiamato a testimoniare sull'episodio del timpano lacerato, negò che fosse accaduto, come egli stesso ha raccontato l'anno scorso sempre all'Arena, salvo poi ritrattare: "Silvio ha difeso suo fratello come io ho difeso mio marito, abbiamo fatto lo stesso errore", il commento di Elena. La denuncia fu così archiviata: "Mi hanno aiutato molto la mia famiglia, i fratelli, i vicini e poi Nicola, mio attuale marito, padre del mio secondo figlio". E le avvocatesse Rosella Festa e Virginia Lusa del Foro di Bologna. Per le donne l'ultimo consiglio: "Non vi isolate, raccontate: se non riuscite a farlo con le autorità, almeno parlatene con qualcuno".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA