Rolling Stones, sale la febbre a Cuba

Show gratuito stasera alla Ciudad Deportiva dell'Avana

Appena partito Barack Obama, ecco che arrivano i Rolling Stones: il "più grande gruppo rock del mondo" è sbarcato oggi all'aeroporto José Martì della capitale cubana, dove stasera offriranno uno storico concerto gratuito nello stadio della Ciudad Deportiva dell'Avana. Mick Jagger, cantante e leader del gruppo, ha salutato brevemente i suoi fans cubani all'arrivo nello scalo aereo, dove gli Stones sono arrivati a bordo di un aereo privato, insieme a una sessantina di membri del loro personale tecnico. Il concerto della band a Cuba è visto da molti come un nuovo segno dell'apertura del regime castrista, che durante il boom del rock britannico negli anni '60 proibiva la loro musica e la denunciava come un frutto della decadenza borghese e una minaccia contro l'ideale socialista che doveva seguire la gioventù dell'isola.

L'inattesa tappa cubana segna anche la chiusura del trionfale Olé America Latina Tour degli Stones, che dallo scorso 3 febbraio li ha portati in giro per l'intero subcontinente, suonando sempre in stadi stracolmi di pubblico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA