Gazzè saluta Roma con doppio appuntamento sold out

Venerdì e sabato all'Atlantico. Il tour toccherà anche l'Europa

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Sold out dietro sold out, Max Gazzè con il suo Maximilian Tour ha fatto tappa anche a Roma, con un doppio appuntamento venerdì e sabato in cui ha ripercorso 20 anni - e oltre - di carriera. Il cantautore, infatti, ha deciso non solo di portare live il suo ultimo disco Maximilian, ma di celebrare anche Contro un'onda del mare, il disco di debutto uscito nel gennaio del 1996, con un tributo speciale di tre brani tratti da quell'album inserito nella scaletta del concerto.
    Caloroso l'abbraccio che la città, la sua città, ha riservato al musicista, che dopo la fortunata esperienza degli ultimi due anni con gli amici di sempre Niccolò Fabi e Daniele Silvestri, è tornato alla carriera solista. Due ore, o poco più, di musica, di esperienza multimediale, di luci, suoni ed emozioni con un pubblico che ha cantato indistintamente i vecchi successi e i brani tratti dal nuovo disco. Il via lo ha dato l'ultimo singolo Mille volte ancora, uscito il 22 gennaio, con un Gazzè che si stagliava sulle quinte in un gioco scenografico interattivo curato da Camilla Ferrari e Nicola Saponaro. Poche parole, tanta musica, con una scaletta fitta: 25 i brani proposti, in un'altalena di note, di atmosfere, di sentimenti, di suggestioni. Dalle canzoni più sbarazzine a quelle più poetiche, da quelle più scatenate a quelli più intimistiche, sempre caratterizzate dall'originalità e dallo sguardo stralunato del cantautore.
    Non sono mancati, ovviamente, i pezzi storici di Gazzè, da Il timido ubriaco a Il solito sesso, passando per Cara Valentina e La favola di Adamo ed Eva, che hanno scatenato la platea dell'Atlantico. Recuperato, grazie a un "sondaggio" sui social, anche un brano che mancava da tempo dai live di Gazzè: Su un ciliegio esterno. Sulle note di La Vita Com'è, il singolo che ha annunciato Maximilian, i fan si sono scatenati in una escalation che ha toccato il suo apice quando il cantautore ha intonato in sequenza da lasciare senza fiato e con le mani spellate Vento d'estate, Sotto casa (che ha visto la "partecipazione eccezionale" di un finto monsignore: "Siamo a Roma, qui ci scomunicano", ha scherzato il cantante) e Una musica può fare.
    Per il bis ha scelto la più tranquilla e ben augurante Comunque vada.
    Il Maximilian Tour sbarcherà anche in Europa: dal 5 al 21 maggio sarà in Spagna (Madrid e Barcellona), Francia (Parigi), Gran Bretagna (Londra), Irlanda (Dublino), Belgio (Bruxelles), Olanda (Amsterdam), Lussemburgo (Koln), Germania (Amburgo, Berlino, Monaco di Baviera, Stoccarda) e Svizzera (Zurigo).
    Intanto le prossime date italiane lo vedranno impegnato il 25 e 26 febbraio a Firenze, il 5 marzo a Brescia, il 12 marzo a Riva del Garda (Tn), il 19 marzo a Cerea (Vr), il 25 marzo a Padova, il 1 aprile a Foligno (Pg), il 2 aprile a Rimini, l'8 aprile a Reggio Emilia, il 9 aprile a Sedico (Bl). Poi ad ottobre, due eventi per festeggiare la conclusione del Maximilian Tour: il 27 ottobre a Roma (Palalottomatica) e il 29 a Milano (Mediolanum Forum).   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA