L'addio a Citti, locandina Accattone davanti al feretro

Davoli, via pezzo di me. Zingaretti, maschera monumentale cinema

Accanto ai familiari, c'erano gli amici più cari, quelli del bar e delle battute di pesca, i pescatori ma anche dei giovani appassionati di cinema, a dare questa mattina l'ultimo saluto, a Fiumicino, all'attore Franco Citti. Ai funerali, nella parrocchia Santa Maria Stella Maris, oltre a Ninetto Davoli, a Paolo Pilati 'Tarzanetto', uno dei 'ragazzi di vita', e ai produttori cinematografici Gianfranco Piccioli e Francesco Torelli, non c'erano altre figure del mondo della cultura e del cinema italiano. Un funerale 'semplice' come quello che, forse, avrebbe voluto lo stesso Franco.

Tanta commozione ma anche un dolore composto quello dei familiari, la moglie Santina, i figli Paolo e Marina, la sorella Adriana, davanti al feretro, attorniato da fiori, dove spiccava la locandina di 'Accattone', il film che lo rappresenta di più, tra i suoi ruoli, nell'immaginario cinematografico. Il celebrante, padre Alcibiade Pizzuti, meditando sul Vangelo di Luca, "il Vangelo dei poveri", ha detto nell'omelia che "Franco ci lascia un'immagine unica, vera e forte, un'immagine estremamente religiosa". Diversi giovani studenti del Dams ed appassionati di cinema ("Abbiamo fatto esami su Pasolini e sui film di Citti: amiamo il loro cinema, la morte di Franco è una grande perdita per il nostro cinema") hanno resto omaggio all'attore pasoliniano portando rose e garofani rossi. "Franco Citti è stata una presenza ed una maschera monumentale nel cinema italiano e non solo", aveva detto in mattinata il presidente della Regione, Nicola Zingaretti, rendendo omaggio all'artista alla camera ardente.

 

All'uscita della chiesa il feretro è stato salutato da lunghi applausi. Franco Citti sarà tumulato nel cimitero di Santa Ninfa, che si trova tra Fiumicino e Maccarese. "Oggi Franco sarebbe stato contento - ha detto uno degli amici pescatori - a salutarlo c'erano gli amici veri, i pescatori, la gente semplice e ciò è quanto basta. Andava sempre a pescare al vecchio Faro, luogo che lui amava tanto, ed era contento di come fosse stato rimesso a posto il porticciolo di piccole barche, frequentato proprio da chi ama la pesca".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA