Architettura:Santander, primo step museo sull'acqua di Piano

La mostra inaugurale dedicata a Carsten Holler

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Conto alla rovescia a Santander per il progetto spagnolo di Renzo Piano, il Centro de Arte Botin. La data di inaugurazione non è stata ancora annunciata, ma un primo step ci sarà il 22 luglio e riguarderà i Jardines de Pereda, per i quali è già pronto un programma culturale per agosto e settembre. ''Sarà come sospeso sull'acqua - ha detto Piano - libero da ogni barriera reale che impedisca l'accesso alle persone''. La mostra inaugurale sarà dedicata a Carsten Holler.
    Direttore artistico sarà Benjamil Weil, supportato da una commissione presieduta da Vicente Todolì.
    Il centro, che cambierà il volto di Santander un po' come è stato in passato per Barcellona o Bilbao, sorgerà sul molo di Albareda, nel cuore della baia, e occuperà una superficie di 7mila metri quadri con un investimento di 77 milioni di euro (di cui 15 per il tunnel che collega il centro ai Jardines de Pereda, e altri 15 per rimodellare i giardini stessi) e 12,5 milioni annui per la programmazione. Una grande agora' ''per l'arte, la cultura, la musica, la lettura e l'educazione'', con la vocazione di diventare uno dei maggiori poli culturali europei. Progettato in collaborazione con lo studio di Luis Vidal, e sviluppato su due volumi, il Centro avra' una galleria espositiva su 2500 metri quadri nell'ala ovest, mentre l'ala est sara' dedicata ad attivita' educative, multiculturali, seminari con un Auditorium da 300 posti, con una vetrata di 200 metri quadrati affacciata sul Cantabrico, completamente apribile. Una parte del complesso entrera' direttamente nel mare.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA