Guardia costiera salva 90 migranti, Malta nega trasbordo

Motovedette italiane verso La Valletta con i soccorsi. E Ocean Viking ne soccorre 48, anche un neonato: a 53 miglia da coste libiche su barca in difficoltà

La scorsa notte, su richiesta delle autorità maltesi, unità della Guardia costiera italiana hanno soccorso un barchino con a bordo 90 migranti in acque di responsabilità di Malta. Successivamente, la Guardia Costiera ha chiesto a La Valletta di inviare un pattugliatore per il trasbordo delle persone recuperate, ma Malta per ora ha risposto negativamente. Le navi italiane stanno comunque dirigendosi verso l'isola.

Dieci migranti tunisini sono arrivati autonomamente nel porto di Lampedusa alle 2 circa di questa notte, a bordo di un piccolo barchino. Sono scesi dall'imbarcazione seguendo le direttive degli uomini della Capitaneria di porto e successivamente sono stati accompagnati all'interno del centro di accoglienza hot spot dell'isola. Ieri mattina sono stati trasferiti 70 migranti che erano ospitati nel centro di accoglienza con la nave di linea che collega giornalmente Lampedusa con il resto della Sicilia. Anche per oggi sono previsti trasferimenti per cercare di riportare il numero dei migranti a quanti ne possono essere ospitati in sicurezza.

Intanto la Ocean Viking, nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, ha soccorso 48 migranti su una barca in difficoltà a 53 miglia dalle coste libiche. Ci sono donne, bambini molto piccoli ed un neonato: ora sono tutti a bordo della Ocean Viking che è diretta a verificare un altro possibile intervento di soccorso in mare, informa Msf.

 

 

 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA