Papa,ipocriti amici Chiesa per interesse

"No a 'turismo' spirituale, essere fratelli gli uni degli altri"

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 AGO - "Quante persone si dicono vicine alla Chiesa, amici dei preti, dei vescovi, mentre cercano soltanto il proprio interesse. Queste sono le ipocrisie che distruggono la Chiesa!". Lo ha affermato papa Francesco nell'udienza generale. Parlando dell'esperienza di comunione (koinonia) e condivisione delle prime comunità cristiane, il Papa ha denunciato l'"ipocrisia" di "un'appartenenza ecclesiale 'negoziata', parziale, opportunista". "Venire meno alla sincerità della condivisione, o venire meno alla sincerità dell'amore - ha detto -, significa coltivare l'ipocrisia, allontanarsi dalla verità, diventare egoisti, spegnere il fuoco della comunione e destinarsi al gelo della morte interiore".
    "Chi si comporta così transita nella Chiesa come un turista - ha osservato -. Non dobbiamo essere turisti nella Chiesa, ma fratelli gli uni degli altri". Per il Pontefice, "una vita impostata solo sul trarre profitto e vantaggio dalle situazioni a scapito degli altri, provoca inevitabilmente la morte interiore".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA