Sentenza Bonino, 'Era sempre presente'

Giudice, 'costante' Bonino in omicidi extra-dosi eparina

(ANSA) - LIVORNO, 20 LUG - Una catena di indizi, tra cui la sua costante presenza in reparto quando si verificavano i decessi dei pazienti, ha portato alla condanna all'ergastolo per omicidio volontario dell'infermiera Fausta Bonino, 58 anni, pronunciata dal giudice di Livorno Marco Sacquegna il 19 aprile scorso in un processo in abbreviato. Così le motivazioni della sentenza. Fausta Bonino è stata condannata per quattro di dieci decessi 'anomali', causati da extra-dosi di eparina somministrate a pazienti fragili dell'ospedale di Piombino (Livorno) tra il 2014 e il 2015. Secondo il giudice esiste una 'costante' Bonino: i turni di lavoro corrispondono agli eventi dei decessi a lei attribuiti. Inoltre rileva a suo carico "la somministrazione non terapeutica di eparina non frazionata", "a conferma della volontà lesiva/omicida". Sugli altri sei decessi il giudice assolve perché non è provato "il collegamento fra grave alterazione dei parametri di coagulazione" del sangue e "somministrazione di alte dosi di eparina".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA