Ior: in 2018 quasi dimezzato risultato

Mons. Ricca, 'bene così, ci ricorda che istituto è secondario'

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 11 GIU - L'Istituto per le Opere di Religione nel 2018 ha servito 14.953 clienti rappresentativi di 5 miliardi di euro di risorse finanziarie (5,3 miliardi nel 2017), di cui 3,2 miliardi relativi a risparmio gestito e in custodia; ha ottenuto un risultato netto pari a 17,5 milioni di euro (31,9 milioni nel 2017), "nonostante la forte turbolenza dei mercati nel corso dell'anno e la persistenza di tassi d'interesse ancora molto bassi". Lo riferisce una nota che sintetizza il bilancio 2018 della 'banca' vaticana. "Forse si rimarrà un po' sorpresi dal confronto tra gli utili degli anni precedenti e l'utile di quest'anno. Io penso però che ci sia anche un aspetto positivo" che "serva a ricordarci la secondarietà dell'istituto e a tenerlo al suo posto". E' il commento di mons. Battista Ricca, prelato dello Ior, al calo degli utili. "Troppi soldi rischiano di farci perdere il bene dell'intelletto e credere di essere quasi onnipotenti. Quest'anno - sottolinea - non corriamo questo rischio".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA