Venezia: quando Banksy 'espose' contro le grandi navi

Non aveva l'autorizzazione per esporre in strada ma non è stato multato

Meno di un mese fa Banksy ha espresso la sua contrarietà alle grandi navi a Venezia. E lo ha fatto a suo modo: 'esponendo' un 'gigante del mare' in bacino San Marco.

Alla luce di quanto avvenuto oggi, con lo scontro tra una nave da crociera e un battello nel porto, suona quasi come una profezia.

È accaduto il 9 maggio scorso a due giorni dall'apertura al pubblico della 58/a Biennale d'Arte, appuntamento del quale il noto street artist inglese annota su Istangram: "Per qualche motivo non sono mai stato invitato".

Così, in un video, ha registrato, la perfomance dell' esposizione e dell'allontanamento in sincronia temporale con l'immagine, sullo sfondo, di una nave da crociera in bacino San Marco. Ed è proprio un 'gigante del mare', dipinto in un quadro 'scomposto' (una serie di tele a olio che ritraggono appunto una nave nel bacino di San Marco), il soggetto del suo 'Venice in oil' esposto da una persona che mai si vede in faccia, pur con la telecamera puntata anche all'arrivo della polizia Municipale.

 

"Eravamo stati allertati dai Guardians - afferma all'ANSA il comandante della Polizia Municipale lagunare, Marco Agostini -. Due agenti si sono avvicinati, quando l'opera era già esposta, ed hanno chiesto, in inglese, alla persona interpellata se aveva l'autorizzazione, invitandola poi ad allontanarsi, senza alcuna multa". Agostini aggiunge che né i due agenti hanno chiesto l' identità, né la persona ha detto chi era. "Il controllo in piazza San Marco funziona" osserva Agostini sollevando, infine, il dubbio che il 'siparietto' era stato studiato: "non è stato un caso - spiega - che tutto ciò sia avvenuto proprio nel momento in cui appariva sullo sfondo una nave da crociera". Banksy era già stato protagonista di un un blitz a Venezia, realizzando un murales sul muro di una casa con rappresentato un bambino naufrago, con giubbotto di salvataggio e una torcia in una mano che lo illumina.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA