Invalsi e alternanza non vincolanti accesso a Maturità

Con emendamento maggioranza al Milleproroghe per quest'anno

Accordo raggiunto nella maggioranza sui test Invalsi: è stato presentato un emendamento che non sopprime i test nell'ultimo anno delle scuole superiori ma fa sì che la prova non sia requisito - fino all'anno scolastico 2019-2020 e dunque alla maturità del 2020 - per l'accesso all'esame di Stato. Dunque, le prove si faranno ma saranno non vincolanti ai fini dell'Esame di Stato. Novità in arrivo anche sul fronte dell'alternanza scuola lavoro, che si farà ma non sarà requisito per l'accesso alla maturità. Sempre nel Milleproroghe, si prevede infine che le somme della Card per la formazione dei prof non scadano a settembre, ma possano essere utilizzate entro il 31 dicembre.

Uno dei decreti attuativi della Buona scuola prevedeva che da quest'anno, in quinta superiore, il test Invalsi dovesse diventare requisito di accesso all'esame di maturità. Ora, con l'emendamento al Milleproroghe presentato dai relatori, la prova si sosterrà ma non sarà un requisito per l'accesso all'esame. Slitta dunque al 2020 la norma varata l'anno scorso che stabiliva che le prove Invalsi in Italiano, Matematica e Inglese per gli studenti del quinto anno delle superiori fosse requisito di accesso all'esame di maturità. Anche l'alternanza scuola lavoro non sarà requisito d'accesso all'Esame di Stato. Era stato lo stesso ministro dell'Istruzione Marco Bussetti ad anticipare nei giorni scorsi la sua ferma intenzione di evitare che l'alternanza sia "al centro dell'esame orale della Maturità, come sarebbe dovuto avvenire da quest'anno. Tutto questo - si apprende dal Miur - in attesa del restyling complessivo dei percorsi scuola-lavoro annunciata dal ministro Bussetti che dovrebbe portare ad una revisione delle ore di alternanza, riducendole sensibilmente specie nei licei".

Al momento l'obbligo, per gli studenti degli ultimi tre anni delle superiori, di svolgere le ore di alternanza è di 400 ore nei tecnici e professionali, 200 nei licei. Salta anche l'emendamento presentato da LeU e approvato al Senato il 3 agosto, prima della pausa estiva, che spalancava le porte delle Graduatorie ad esaurimento a tutti i docenti precari abilitati quindi anche ai maestri diplomati. Ora, di fatto, torna tutto come prima, le graduatorie ad esaurimento rimangono blindate e i docenti abilitati passeranno di ruolo attraverso il canale dei concorsi, pubblici o riservati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA