Genitori, morte di Chiara non sia vana

Affetta grave forma allergia, è deceduta dopo cena a ristorante

(ANSA) - PISA, 17 LUG - "In questo momento vogliamo solo che la morte di Chiara non sia stata vana e per questo rivolgiamo un appello a tutti affinché di queste forme allergiche si parli senza reticenze o paure di discriminazioni". Lo hanno detto all'ANSA, tramite il loro legale Francesca Zuccoli, Michela Bargagna e Massimo Ribechini, i genitori di Chiara Ribechini, la 24enne, affetta da una grave forma allergica, morta domenica sera nel Pisano.
    La giovane era allergica fin dai primi anni di vita al latte, a tutti i suoi derivati e all'uovo e frequentava solo locali nei quali riponeva la sua piena fiducia, come appunto quello in cui ha mangiato domenica sera. "Non vogliamo entrare nel merito del caso specifico - sottolinea il legale a nome della famiglia - anche perché saranno le indagini a fare piena luce su quanto accaduto, vogliamo però dire a tutti che queste allergie sono sempre più diffuse ma purtroppo ancora molto sottovalutate, spesso anche da coloro che sono costretti a conviverci".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA