Gdf Roma: appalti illeciti per 217 mln, 331 denunce

Bilancio di un anno e mezzo: 246 denunce per reati contro P.A.

Sono 331 le persone denunciate all'Autorità Giudiziaria nell'ultimo anno e mezzo di cui 46 arrestate: 85 (11 in arresto) per reati legati alle illecite aggiudicazioni di appalti pubblici, pari a circa 217 milioni di euro, a fronte di gare ad evidenza pubblica controllate per circa 393 milioni di euro; 246 (35 in arresto) per reati contro la Pubblica Amministrazione (peculato, concussione, corruzione, ecc.), per importi delle condotte corruttive per oltre 7 milioni di euro e circa 90 milioni di per comportamenti di peculato. Così la Gdf di Roma in un bilancio dell'ultimo anno e mezzo.

Sono 880 gli evasori totali, imprenditori e lavoratori autonomi inottemperanti all'obbligo di dichiarazione ai fini delle imposte sui redditi, dell'Iva e dell'Irap, responsabili di aver evaso, in un anno e mezzo, 2,5 miliardi di euro di IVA. Il dato sull''economia invisibile' nell'ultimo anno e mezzo, è stato diffuso dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma in occasione dei 244 anni di vita del Corpo.

Nello stesso periodo, sono stati sanzionati 350 datori di lavoro per aver impiegato irregolarmente 1627 lavoratori, di cui ben 772 completamente "in nero". Nel settore dell'imposizione sulla produzione e sui consumi (accise), sono stati eseguiti 321 interventi, con il sequestro di oltre 360 tonnellate di prodotti energetici, con un consumo in frode accertato per circa 80.000 tonnellate. Nel comparto del giochi illegali e scommesse clandestine, invece, sono stati eseguiti 317 operazioni, di cui 101 con la constatazione di irregolarità.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA