Papa: ''Tante paure, lo straniero come nemico''

Visita Sant'Egidio, nell'anniversario dei cinquanta anni di attività della Comunità: "Serve globalizzazione solidarietà"

"Il mondo oggi è spesso abitato dalla paura". Lo ha detto il Papa parlando alla Comunità di sant'Egidio. "Il nostro tempo conosce grandi paure di fronte alle vaste dimensioni della globalizzazione. E le paure si concentrano spesso su chi è straniero - ha sottolineato Papa Francesco -, diverso da noi, povero, come se fosse un nemico. E allora ci si difende da queste persone, credendo di preservare quello che abbiamo o quello che siamo. L'atmosfera di paura può contagiare anche i cristiani". Per Papa Francesco occorre dunque lavorare per una "globalizzazione della solidarietà. Di fronte ad un mondo il cui "futuro è incerto" e davanti alle tante guerre, c'è la Parola di Dio che è "luce nel buio" e "speranza di pace".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA