• Maltempo sull'Italia, il Nord sotto la neve, spiagge imbiancate in Veneto

Maltempo sull'Italia, il Nord sotto la neve, spiagge imbiancate in Veneto

A Trieste bora. Soccorso Alpino, prudenza in quota

L'arrivo di aria artica porterà un deciso calo delle temperature, con nevicate fino a quote di pianura, associate a forti venti. Lo indica una nuova allerta meteo della Protezione civile. Dalla serata di oggi, ci saranno temporali sulla Sicilia, in estensione a Calabria e Puglia, specie sui settori ionici. Previsti rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. In serata, inoltre, si prevedono venti settentrionali da forti a burrasca con raffiche fino a burrasca forte su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Liguria e Toscana, in estensione dal pomeriggio di domani a Puglia e Lazio, specie sui settori settentrionali, con possibili mareggiate lungo le coste esposte. Dalle prime ore di domani ancora nevicate fino a quote di pianura sul Veneto, in estensione ad Emilia-Romagna, Liguria e, a seguire, Toscana, Umbria e Marche, con apporti al suolo da deboli a moderati, localmente abbondanti sulle Marche. Si prevedono, inoltre, nevicate al di sopra dei 500-700 metri sull'Abruzzo, in estensione dalla tarda mattinata a Lazio, Molise e Sardegna, con quota neve in progressivo calo fino in pianura nel corso del pomeriggio/sera su Abruzzo e Molise e, a seguire, sul Lazio, con apporti al suolo da deboli a moderati, fino a localmente abbondanti sull'Abruzzo. Valutata per la giornata di domani allerta arancione per rischi idrogeologico sul versante centro-orientale dell'Abruzzo e sulla Calabria. Allerta gialla sul settore centro-orientale dell'Emilia Romagna, sulle Marche, sul resto dell'Abruzzo, sul Lazio, sul Molise, su gran parte della Puglia e della Sicilia.

C'è stata "l'attivazione preventiva delle componenti e strutture operative del servizio nazionale di protezione civile in vista dell'arrivo di una massa gelida che da domani impatterà sull'Italia". Lo ha detto il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, che in mattinata ha riunito al dipartimento il comitato operativo per verificare lo stato di prontezza del sistema. All'incontro hanno partecipato in video collegamento i rappresentanti di tutte le regioni e, ha sottolineato Borrelli, "a quelle interessate dal sisma del 2016, dove è attivo un pronto dispositivo di volontariato locale, ho chiesto la massima attenzione sulle aree delle casette e dei container per limitare gli eventuali disagi alla popolazione assistita". Il capo della Protezione Civile ha quindi ringraziato "tutte le componenti e strutture e, specificatamente, i tanti volontari che, in queste e nelle prossime ore, si metteranno a disposizione del sistema con la consueta dedizione e professionalità".

Situazione in miglioramento nelle Marche - Situazione in miglioramento nelle Marche dopo le forti piogge di ieri sera, con particolari criticità nella zona nord della regione. "Il livello del Foglia e del Genica è rientrato a livelli sotto controllo - annuncia il sindaco di Pesaro Matteo Ricci su Facebook -. Rimangono molti problemi su frane e smottamenti". Giusto, secondo Ricci, tenere aperte le scuole. I vigili del fuco sono al lavoro anche oggi per frane e allagamenti in provincia di Pesaro Urbino. Ad Ancona invece sono impegnati per la rimozione di parti pericolanti nel cavalcavia del Pincio. E intanto le città si stanno preparando al grande freddo previsto nei prossimi giorni. Molti i Comuni che hanno aperto i Centri operativi comunali (Coc). Ad Ancona è già stato messo a punto il piano neve e si cercano spalatori.

Allerta E-R fino a mezzanotte 26/2, neve e gelo - Allerta meteo, dal mezzogiorno di oggi fino alla mezzanotte di lunedì 26 per criticità idraulica e temporali e per criticità marino-costiera, in Emilia-Romagna. E' quanto stabilito dalla Protezione Civile regionale e dal'Arpae. In particolare si registra un'allerta con codice arancione per lo stato del mare sulla costa romagnola e ferrarese e con codice giallo per criticità idraulica nelle stesse zone; per criticità idrogeologica sulle coste e sull'Appennino romagnolo e per temperature estreme e pioggia che gela su tutto il territorio. Dalla notte di oggi, viene spiegato, "a iniziare dal settore appenninico, potranno verificarsi locali deboli nevicate. Domani si prevedono deboli precipitazioni sparse, nevose anche in pianura al mattino che dalle ore pomeridiane tenderanno ad attenuarsi interessando solo il settore appenninico. Rovesci di neve potranno interessare l'Appennino Romagnolo in giornata". Le temperature medie risulteranno sotto lo zero sia in pianura che sui rilievi con possibili gelate.

Toscana, domani codice giallo, neve e vento - La sala operativa della protezione civile della Toscana ha emesso il codice giallo per neve e vento su tutta la regione a partire dalla mezzanotte di stasera e fino alla stessa ora di domani, domenica 25 febbraio. Per il vento, codice giallo a partire dalle ore 13.00 di oggi sulle zone centrali della regione, sull'Appennino sono previste raffiche fino a 80 km/h. Previsti anche mari molto mossi o agitati. La concomitanza di un flusso di correnti orientali sulla Toscana dovuto a un'area di bassa pressione sul Tirreno con l'ingresso di aria molto fredda dall'Europa orientale determinerà, domani, condizioni favorevoli a nevicate sparse fino a bassa quota. Tutta la regione sarà inoltre interessata da forti raffiche di vento Grecale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA