Estorsioni a negozianti Prato, 4 arresti

Procura e Cc, da 8 anni minacce e pizzo. Pistola 'clandestina'

(ANSA) - PRATO, 21 FEB - Otto anni di estorsioni, richieste di 'pizzo' a negozi e ditte a Prato: per questo i carabinieri hanno arrestato quattro persone, fra cui due fratelli calabresi, accusate di aver terrorizzato imprenditori e commercianti centinaia di migliaia di euro per fare la 'bella vita', tra vizi e auto di lusso, e per mantenere le loro famiglie. Gli arresti, da fine dicembre a ora, sono maturati in una vasta inchiesta della procura svelata oggi. Dopo i primi arresti dei fratelli Silvano e Vincenzo Bartolo,e del figlio di uno dei due, Bruno Bartolo, nei giorni scorsi c'è stato il quarto arresto, un meccanico di Poggio a Caiano (Prato): a lui è stata trovata nascosta una pistola semiautomatica 'clandestina', arma che i carabinieri cercavano con insistenza. La pistola era carica e con munizioni. Per le indagini uno dei fratelli Bartolo voleva usarla per "la regolazione di alcuni conti in sospeso".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA