Invalsi, alunni Italiani bravi in lettura

Superano media Europa. C'è divario Nord-Sud. Difficoltà on line

Alunni italiani promossi in lettura. Nel 2016 la loro performance migliora rispetto a quella del 2011 (+7 punti) e supera il punteggio medio ottenuto dai Paesi Ocse e dai Paesi Europei. In generale, in Italia le bambine sono più brave dei bambini e gli scolari del Nord più bravi di quelli del Sud. Si registra qualche difficoltà invece nella lettura online.
    E' quanto emerge da un'indagine condotta dall'Invalsi, nell'ambito di una rilevazione internazionale dell'Iea svolta in 50 Paesi, sull'apprendimento della lettura (Pirls) negli studenti di 9-10 anni (quarta primaria). Circa 3.900 i bambini che hanno partecipato nel nostro Paese in rappresentanza di oltre 520 mila iscritti.
    Con un punteggio di 548 (la media internazionale è di 500), più alto della media dei Paesi Ocse (541) ed europei (544), l'Italia è al 17/mo posto della classifica e supera Germania (537), Spagna (528) e Francia (511). Una performance che migliora rispetto alla prima rilevazione del 2001 (+7).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA