Potestà 2 figli per moglie Moutaharrik

Appello riduce pena per lei, 6 anni a marito. Tensione contro pg

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - La Corte d'Assise d'appello di Milano ha confermato la condanna a sei anni di carcere per Abderrahim Moutaharrik, marocchino campione di kickboxing finito in carcere nell'aprile 2016 con l'accusa di terrorismo internazionale per presunti legami con l'Isis, ma ha ridotto la pena per sua moglie Salma Bencharki da 5 a 3 anni e 4 mesi e, in particolare, ha revocato per lei la sospensione della potestà genitoriale sui due figli di 2 e 4 anni, che era stata decisa in primo grado nei confronti di entrambi. Dopo la lettura della sentenza c'è stato un momento di tensione perché il marito di un'altra imputata, Wafa Koraichi (per lei sono stati confermati 3 anni e 4 mesi) ha urlato e si è mosso contro il sostituto pg Nunzia Ciaravolo che era appena uscita dall'aula, e sono intervenuti i carabinieri. Mentre l'imputata piangeva dicendo "non sono una terrorista", il marito urlava "non è giusto, io pago le tasse" e altre frasi soprattutto contro i pm di primo grado.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA