Senza avambraccio diventa campione voga

Lancia appello, ora mi serve protesi con sensori per i movimenti

(ANSA) - VENEZIA, 20 NOV - Frequenta il liceo scientifico con un buon profitto, segue gli scout, suona la chitarra e soprattutto voga alla veneta. Tutto normale per un 16enne se non fosse che Pietro è nato senza l'avambraccio sinistro e usa una protesi. Un problema che non gli ha impedito di classificarsi al terzo posto nelle 'marciarele senior' della Regata Storica 2017.
    Il suo sogno, ora, è che qualcuno lo aiuti a progettare e realizzare una nuova protesi con dei sensori che gli permettano i movimenti di cui ha bisogno per coltivare la sua passione per il remo.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA