Don Pallù a Firenze, accolto da canti

'Evangelizzeremo la Nigeria'. Folla di fedeli, anche Nardella

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Ha ringraziato il Signore appena arrivato all'aeroporto di Firenze don Maurizio Pallù, il missionario di origine fiorentine rapito e poi liberato in Nigeria nei giorni scorsi. Ad accoglierlo una folla di fedeli, molti dei quali condividono con lui il cammino neocatecumenale, amici ed un gruppo di giovani che l'hanno salutato cantando canzoni religiosi accompagnandosi con la chitarra. Don Pallù ha abbracciato tutti. Ad attenderlo anche il sindaco di Firenze Dario Nardella che ha incontrato il sacerdote in forma privata appena è sceso dall'aereo. "Il Signore ci ha aiutato": sono state le prime parole del sacerdote, appena atterrato: "Cristo è risorto, è il Signore della vita e della morte - ha poi aggiunto - Evangelizzeremo la Nigeria, l'Africa, il mondo".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA