Studenti in corteo a Cagliari

Doppia protesta di Eureka e UdS, nel mirino la ministra Fedeli

(ANSA) - CAGLIARI, 13 OTT - Ragazzi costretti a pagarsi i viaggi per iniziare l'attività. E poi uno studente che in un istituto tecnico si è ferito. Alternanza scuola-lavoro nel mirino anche a Cagliari, come in decine di altre città italiane, con lo slogan "Cambiamo la scuola per cambiare il Paese" e con "controscioperi" di confronto e proposte alternative. In corteo i giovani di Eureka studenti medi. Alla manifestazione, partita poco dopo le 9 da piazza Yenne, partecipano circa cento tra ragazze e ragazzi delle scuole cagliaritane al grido di "L'alternanza non la vogliamo".
    Due casi emblematici del caos vengono spiegati da Agnese Setti, coordinatrice dell'associazione. "Per raggiungere la sede di partenza dell'alternanza lavoro alcuni ragazzi sono stati costretti a pagarsi le spese di trasporto e di alloggio.
    Gravissima anche la vicenda del giovane ferito. È evidente che serve subito uno statuto degli studenti in alternanza". Insomma, come recita uno striscione del corteo: "La nostra speranza, più diritti in alternanza".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA