• Torre Annunziata, otto le vittime del crollo, bilancio definitivo

Torre Annunziata, otto le vittime del crollo, bilancio definitivo

Due i piani che si sono sbriciolati risucchiando anche due bambini di 8 e 14 anni

Non si scava più tra le macerie a Torre Annunziata (Napoli), dove il ritrovamento delle ultime due salme, quelle dei piccoli Salvatore e Francesca Guida, ha portato a otto vittime il bilancio definitivo della tragedia avvenuta ieri. E mentre la città piange i suoi morti (chiusi molti negozi per lutto e anche i lidi balneari), tocca ora alla magistratura accertare l'eventuale presenza di responsabilità alla base del crollo di un'intera ala della palazzina anni Cinquanta stretta tra il mare e la ferrovia. Nulla da fare per le famiglie Guida e Cuccurullo che abitavano al terzo e al quarto piano della struttura. Ne' per la sarta di 65 anni Pina Aprea che viveva da sola. L'unico a farcela, incredibilmente, è stato il canarino giallo di uno degli inquilini dello stabile. La cesta in cui si trovava gli ha fatto da scudo protettivo.

Eddy Laiola, una delle vittime estratte dalle macerie



Due le ipotesi di reato su cui indaga la procura di Torre Annunziata: disastro colposo e omicidio plurimo colposo. Stamattina sopralluogo del pm Andreana Ambrosino: "Non escludiamo alcuna pista", ha detto, escludendo al momento l'iscrizione di qualcuno nel registro degli indagati. Un collegio dei periti verra' nominato al piu' presto per accertare le cause del crollo. Tutta l'area e' sotto sequestro e sorvolata da droni. Nel mirino degli investigatori finiranno inevitabilmente i lavori in corso al primo e al secondo piano dell'edificio. Lavori per i quali sarebbe stata regolarmente presentata una Dia in Comune. Il sindaco del comune oplontino annuncia il lutto cittadino. "Prima, pero', vogliamo aspettare che vengano eseguite le autopsie sui corpi". Il parroco della Ss Trinità, Ciro Cozzolino, ricorda con tristezza la prima comunione dei piccoli Guida e rivolge un appello alla prevenzione per evitare che tragedie simili possano ripetersi.

Sotto accusa i lavori di ristrutturazione in corso nei primi due piani dell'edificio anni Cinquanta che si affaccia sulla strada ferrata della linea ferroviaria che congiunge Napoli con Salerno. E già divampano le polemiche per delle avvisaglie che sarebbero state sottovalutate. La Procura di Torre Annunziata ha aperto un'inchiesta con l'ipotesi di crollo colposo. I lavori, se fatti male, potrebbero aver causato danni alla statica del palazzo determinando il crollo del terzo e quarto piano.

ore 14 del 7/7/2017 - da Torre Annunziata Ciro Fusco

 

ore 13 - La diretta Fb da Torre Annunziata di Ciro Fusco

ore 12.30 - La diretta Fb da Torre Annunziata di Ciro Fusco

ore 11.30 - La diretta Fb da Torre Annunziata di Ciro Fusco 

ore 11 - La diretta Fb da Torre Annunziata di Ciro Fusco 

Il luogo della palazzina prima e dopo il crollo

Ipotesi e polemiche sulle cause - A vederla quella palazzina crollata in via Rampa Nunziante a Torre Annunziata (Napoli) sembrava una sfida alla sicurezza, alla fisica, e alla logica. Cinque piani, quattro più l'attico dell'architetto Giacomo Cuccurullo, impiegato dell'Ufficio tecnico del Comune di Torre Annunziata, a picco sulla linea ferrroviaria Napoli-Salerno, ed affacciata sulla litoranea Marconi. Oggi c' è l'obbligo di costruire a 60 metri minimo dai binari. Nel 1955, quando fu realizzata, si poteva fare di tutto. "Da giovane andavo a trovare degli amici in quella palazzina - racconta l' ex assessore ai Lavori pubblici, Antonio Irlando, in carica tra il 2014 e l' inizio del 2016 - e quando passavano i treni le pareti tremavano…". Ma - secondo le prime valutazioni dei tecnici - non sono stati i treni a far cadere la palazzina. E mentre si estraggono i primi corpi dalle macerie partono interrogativi e polemiche. "Certo, era un palazzo messo male'' dice il sindaco di Torre Annunziata, Enzo Ascione, eletto a giugno. Mi dispiace che un tecnico del Comune non abbia potuto accorgersi della situazione perché qualche segnale avrebbe dovuto esserci". "La gente aveva già espresso preoccupazioni per quei lavori - dice l amministratore del condominio "Residenza a mare", che si trova di fronte allo stabile crollato - qualche avvisaglia di pericolo c'era già stata". Al Comune erano pervenute due Scia (segnalazione certificata di inizio attività) dice il sindaco Ascione per lavori di manutenzione ordinaria. Ma al primo piano - secondo l' ex sindaco Giosuè Starita - in un appartamento vuoto i nuovi proprietari avevano avviato lavori di sostituzione del pavimento. "Mi pare probabile che una negligenza tecnica durante i lavori, come la manomissione di un putrella, possa aver compromesso la statica della palazzina. Si parla di manutenzione ordinaria, poi magari si faceva altro". In un altro appartamento, pure attualmente vuoto, al secondo piano si svolgevano lavori classificati come manutenzione ordinaria. "Ma spesso - dice l'ex assessore Irlando - si parla di manutenzione ordinaria solo per sfuggire alla lentezza della burocrazia delle autorizzazioni". La palazzina crollata, aveva le strutture portanti in tufo ed i solai in cemento armato. Ma l'attico ed alcuni varchi aperti negli anni nell' edificio - secondo Irlando - potrebbero aver avuto ripercussioni sulla statica. Il crollo è avvenuto in un angolo, nella parte retrostante della palazzina. Mentre la facciata, che guarda il mare, è rimasta intatta.

LE IMMAGINI - VIDEO

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA