Consip, Tiziano Renzi ai pm: 'Mai preso soldi'

Padre ex premier interrogato da pm

"Mai preso soldi. Si è trattato di un evidente caso di abuso di cognome":  così Tiziano Renzi si è difeso davanti ai pm, secondo quanto riferito dal suo difensore Federico Bagattini, durante l'interrogatorio - durato oltre tre ore - al quale è stato sottoposto ieri a piazzale Clodio.

Rispondendo a domande dei pm sui rapporti "con tutte le persone coinvolte nell'inchiesta", il padre dell' ex premier ha sottolineato di essere legato all'imprenditore farmaceutico Carlo Russo anche da una frequentazione di carattere religioso. Durante l'interrogatorio, ha concluso l'avvocato Bagattini, non sono state fatte nuove contestazioni.

"Il dottor Renzi ha risposto a tutte le domande" ed ha precisato di "non aver avuto alcun ruolo in questa vicenda". Lo ha detto l'avvocato Federico Bagattini aggiungendo che il suo assistito, ha negato di aver mai conosciuto né incontrato Alfredo Romeo e di essere mai stato in Consip. Nel corso dell'interrogatorio ha escluso anche di conoscere Denis Verdini.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA