Consip: Tiziano Renzi ai cronisti, basta con questo stalking

Ex premier replica al leader M5s che lo ha accusato di "rottamare" il genitore

"Mi farebbe piacere che mi lasciaste in pace", "Vorrei non subire stalking come state facendo in questo momento", "mi state violentando in un momento privato". Così ha risposto Tiziano Renzi ai giornalisti di Sky che lo aspettavano fuori dalla chiesa di Rignano per un commento sulla vicenda Consip.

Resta alta la tensione politica sul caso dell'inchiesta Consip mentre è polemica sulla fuga di notizie sull'inchiesta. La violazione del segreto istruttorio per cui la Procura di Roma ha deciso di avviare alcuni procedimenti riguarda anche la pubblicazione di atti di indagine omissati nei provvedimenti emessi dall'autorità giudiziaria sulla vicenda Consip. Ciò ha generato sconcerto negli inquirenti titolari degli accertamenti. La Procura di Roma, infatti, alla luce di "ripetute rivelazioni di notizie coperte da segreto" - sia verso gli indagati, sia verso i media - e "per una esigenza di chiarezza" ha "revocato" ai carabinieri del Noe la delega per ulteriori indagini, affidandola al Nucleo Investigativo di Roma sempre dei Carabinieri. E, a seguito di ripetute violazioni del segreto istruttorio riguardanti l'inchiesta Consip, la Procura di Roma, secondo quanto si è appreso, ha avviato una serie di procedimenti, per il momento contro ignoti. Nel mirino degli inquirenti, quei pubblici ufficiali che hanno avuto a che fare con l'inchiesta e che dovessero risultare responsabili della fuga di notizie. Proprio ieri la Procura ha revocato ai carabinieri del Noe la delega per ulteriori indagini. 

Intanto parla il padre del ministro Luca Lotti. 

"Luca di per sé è tranquillo, noi un po' meno". Così un commosso Marco Lotti, padre del ministro dello Sport Luca, all'ANSA a margine di un incontro organizzato dal Pd a Montelupo Fiorentino (Firenze) con ospite Piero Fassino, in cui non son mancati i messaggi di solidarietà al membro del Governo Gentiloni indagato a Napoli per l'inchiesta legata agli appalti Consip. "Speravo che ce la facesse a venire stamani, ma non ce l'ha fatta, era impegnato con la famiglia", ha detto Marco Lotti. Poi, in riferimento alla presenza nel registro degli indagati del padre dell'ex premier Matteo Renzi, Tiziano, Marco Lotti ha detto: "Anch'io sono un babbo, ma credo di non essere minimamente messo allo stesso pari di altri babbi. Io sono un babbo che lavora dalla mattina alla sera, impegnato nel volontariato da sempre". "La verità - aggiunge - verrà fuori, e non mi interessa se verrà messa in 28esima pagina. Mi interesserebbe piuttosto che chi sparla poi venisse veramente punito. Chi volutamente dice menzogne o bugie, dovrà essere ripagato con la stessa moneta".

Intanto ieri sul fronte politico è duro lo scontro tra Matteo Renzi e Beppe Grillo. Dopo l'uscita dell'ex premier sul fatto che, se fosse colpevole, il padre dovrebbe avere "condanna doppia", Grillo va all'attacco: "Renzi rottama il padre".

E la replica di Renzi non si fa attendere:  "Questo è mio padre. Buttati come sciacallo sulle indagini, se vuoi, caro Beppe Grillo. Mostrati per quello che sei. Ma non ti permettere di parlare della relazione umana tra me e mio padre". Lo scrive sul suo blog, in merito al caso Consip, l'ex premier Matteo Renzi rivolgendosi al leader M5S. "Caro Beppe Grillo ti scrivo", è l'incipit della 'lettera' di Renzi. "Spero che un giorno ti possa vergognare - anche solo un po' - per aver toccato un livello così basso", scrive Renzi. "Vedremo che cosa accadrà. Mio padre ha reclamato con forza la sua innocenza, si è fatto interrogare rispondendo alle domande dei magistrati, ha attivato tutte le iniziative per dimostrare la sua estraneità ai fatti. Personalmente spero che quando arriverà la parola fine di questa vicenda ci sia la stessa attenzione mediatica che c'è oggi. La verità arriva, basta saperla attendere".

Ma arriva anche la controreplica del leader M5s - "Si derottamano padri solo se la rottamazione è una gaffe comprovata, Matteo tu sei una gaffe esistenziale. Per una volta che leggo quello che dici non puoi prendetela con me. Fatti coraggio e rileggi a voce alta, magari ti aiuta". Così Beppe Grillo, su Facebook, controreplica alla 'lettera' che dal suo blog Matteo Renzi gli ha indirizzato in merito alla vicenda Consip e alle frasi dell'ex premier di ieri in tv su suo padre Tiziano.

Intanto Tiziano Renzi da Rignano sceglie di non parlare il giorno dopo l'interrogatorio. "Sono indagato, non posso dire niente", dice dall'interno della sua abitazione a Rignano sull'Arno (Firenze). "Come sta?" chiedono i giornalisti al di la' della porta a vetri che rimane chiusa. "Mi è venuta anche la tachicardia", dice Tiziano Renzi salutando e allontanandosi dalla porta. Intanto il difensore del padre dell'ex premier ha fatto sapere di aver ricevuto l'incarico di svolgere indagini difensive nel cui ambito ascolterà l'ad di Consip Luigi Marroni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA