Poliziotto morto, 3 fronti investigativi

Nel mirino anche le fasi dei soccorsi prestati all'agente

(ANSA) - LECCO, 5 FEB - Sono tre i fronti investigativi aperti sulla morte dell'agente scelto Francesco Pischedda, il poliziotto di 28 anni deceduto, precipitando da un cavalcavia, dopo l'inseguimento giovedì scorso di tre sospetti fuggiti lungo la superstrada 36 nella zona di Colico (Lecco).
    La polizia sta anzitutto cercando in tutto il territorio le tracce dei due uomini che si trovavano a bordo del Fiat Fiorino rubato e che erano poi riusciti a dileguarsi a piedi. Il terzo, un giovane moldavo precipitato con l'agente, è rimasto invece gravemente ferito e si trova ancora ricoverato in rianimazione a Lecco. Ma gli inquirenti cercano di far luce anche su altri due aspetti della vicenda. Quello dell'accessibilità del pericolosissimo punto in cui, tra le due corsie della superstrada, si è aperto il vuoto per l'agente e il malvivente, entrambi caduti per una decina di metri. E sempre nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla Procura di Lecco, si stanno cercando di ricostruire anche tutte le fasi dei soccorsi prestati a Pischedda.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA