Migranti: King, "i controlli in Italia molto più efficaci"

Morcone: "Noi sotto la lente Ue ma altri non rispettano i patti. Non faremo campi di concentramento"

"Le identificazioni e la raccolta delle impronte digitali dei migranti (Eurodac) in Italia hanno registrato un incremento molto significativo. Negli hotspot è quasi al 100% e ciò che colpisce è che in generale è al 95-96%.
Penso che parte del nostro ruolo sia quello di assicurarci che gli altri Stati membri capiscano l'efficacia dei controlli che si stanno facendo in Italia, che le cose sul terreno stanno funzionando molto meglio". Lo ha detto il commissario alla Sicurezza Ue Julian King in un'intervista all'ANSA.

"Siamo arrabbiati perché siamo oggetto di un monitoraggio costante e ossessivo": siamo sotto "la lente di ingrandimento" ma "noi la nostra parte la stiamo facendo, gli altri Paesi non stanno facendo la loro". Lo ha detto il prefetto Mario Morcone, Capo Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'Interno, in audizione al Comitato parlamentare Schengen.

"Rimane - ha aggiunto - un forte pregiudizio dal Centro e Nord Europa per le scelte fatte nel 2014 che hanno consentito alle persone di andare in giro per l'area Schengen. Già da metà 2015 abbiamo fatto scrupolosamente il nostro lavoro, facendo le identificazioni, gli hotspot e usando le procedure che loro hanno indicato". "Ci guardano sotto la lente di ingrandimento" ma, "noi da metà del 2015 siamo irreprensibili, sotto il profilo dello sbarco e dell'accoglienza. Lo stesso non vale per i Paesi che non hanno rispettato il piano Juncker: siamo stati in grado i ricollocare 1.318 persone, e non certo per colpa nostra", ha aggiunto.

Il prefetto ha poi sottolineato che "sono 2.600 su 8.000 i Comuni che accolgono i migranti: questo ha creato grandi disomogeneità, con aggregazioni imponenti e l'esclusione di un numero importante di Comuni", per questo motivo "ci si è posti il problema di costruire degli incentivi e un sostegno ai sindaci" e il Consiglio dei ministri ha trovato la soluzione del "fondo di riconoscenza di 100 milioni, che sarebbe destinato ai comuni che accolgono".

Fornendo chiarimenti sul fondo premiale per i Comuni, di 500 euro una tantum a migrante, ha precisato però che la misura deve ancora essere messa a punto e tradotta in un testa normativo: "Credo che il fondo di riconoscenza non abbia un vincolo di destinazione": le risorse andranno al Comune, che sarà "libero di interpretarle in base alle esigenze". Il fondo "riguarda il 2016, non la manovra in legge di Stabilità 2017".

In merito alla questioine del debito del Viminale, emersa nelle scorse settimaner, Morcone ha spiegato che "l'accoglienza" dei migranti "ci costa circa cento milioni al mese: complessivamente 1,2 miliardi all'anno, di cui una parte l'abbiamo pagata. Ad oggi servono 650 milioni. Da quello che mi risulta, le risorse erano state già individuate e sono state rese disponibili con la manovra varata dal governo. Certo, c'è sofferenza da parte di piccole organizzazioni, legata anche alla policy che stiamo portando avanti dell'accoglienza diffusa. Le spese sono un miliardo e due, non di più, ampiamente meno di quello che i migranti che lavorano ci restituiscono. Lo dicono l'Istat e Confindustria".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA